Stampa / Print
Winzenberg TM, Powell S, Shaw KA, Jones G. Vitamin D supplementation for improving bone mineral density in children. Cochrane Database of Systematic Reviews 2010, Issue 10. Art. No.: CD006944. DOI: 10.1002/14651858.CD006944.pub2.Una nuova revisione Cochrane conclude che somministrare vitamina D a bambini con livelli di normali di tale vitamina non serve ad aumentare la densità ossea dell’anca, della colonna vertebrale, dell’avambraccio e in generale dell’intero corpo.Un elevata densità ossea protegge i bambini dall’osteoporosi nella vita adulta. L’osteoporosi è una condizione in cui le ossa si presentano deboli e fragili e si fratturano facilmente. La vitamina D è importante per il metabolismo del calcio in quanto ne facilita l’assorbimento dal cibo, ne riduce le perdite da parte dell’organismo e ne stimola la deposizione all’interno della matrice ossea. La densità ossea è una misura della forza delle ossa e della presenza di minerali nelle ossa stesse.Il capo ricercatore, la Dr.ssa Tania Winzenberg, dell’Istituto di ricerche Menzies della Tasmania, afferma: “Attraverso la misurazione della densità ossea, possiamo valutare quanto un intervento, come la somministrazione della vitamina D, migliori la salute dell’osso”In questa revisione i ricercatori riassumono le sperimentazioni cliniche che hanno valutato se l’incremento di livelli di vitamina D nei bambini sani determina una maggiore deposizione nelle loro ossa di calcio. Sei studi randomizzati controllati, per un totale di circa 900 bambini di età compresa tra 1 mese e 19 anni, hanno confrontato la somministrazione di vitamina D per un periodo di 3 mesi con il placebo.“Gli integratori di vitamina D non aumentano in modo significativo la densità ossea nei bambini sani, in alcun distretto corporeo. Invece, ci sono alcune indicazioni che i bambini con bassi livelli ematici di vitamina D potrebbero beneficiare dell’integrazione” Afferma la Dr.ssa Winzenberg. “Per poter confermare l’efficacia dell’integrazione della vitamina D in bambini con particolari carenze sono necessari ulteriori studi randomizzati controllati”.Questo studio si aggiunge a quelli già pubblicati nella Cochrane Library che analizzano gli effetti della somministrazione di integratori di vitamine ai bambini. Sono state già pubblicate diverse revisioni che analizzano l’efficacia della vitamina C nel prevenire il raffreddore e nel trattamento dei bambini asmatici. Altre pubblicazioni riguardano gli effetti della vitamina A e D nei bambini affetti da fibrosi cistica.

Fonte: http://www.partecipasalute.it/cms_2/node/1569

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.