Stampa / Print
Secondo dati diffusi dal governo degli Stati Uniti d’America, il numero dei cittadini che ricevono i buoni pasti destinati ai più poveri è cresciuto del 16 per cento rispetto allo scorso anno, il che significa che attualmente ricevono questi sussidi in natura 43 milioni circa di persone e cioè il 14 per cento della popolazione della più potente nazione al mondo. Molti Stati stanno rivedendo al rialzo la linea di povertà per dare modo a un numero maggiore di famiglie di ricevere questa forma di sussidi, il cui importo è stato aumentato nel 2010 del 13,6 per cento, un aumento che equivale a ulteriori 20-24 dollari al mese per persona presente nel nucleo familiare. Ovviamente, si tratta di buoni che vengono integralmente spesi dai percettori, il che, oltre a considerazioni di carattere umanitario, spiega l’interesse dell’amministrazione per questa forma di aiuto che da, nel suo piccolo, una concreta spinta ai consumi e alla crescita del prodotto interno lordo. A guidare la triste graduatoria della quota della popolazione che sopravvive grazie ai buoni pasto è Washington D.C. nella quale il 21,5 per cento degli abitanti vivono di carità pubblica, per non contare quanti vivono di sussidi di disoccupazione. Nel recente accordo tra Obama e i leader repubblicani e democratici è entrata l’estensione per ulteriori 13 settimane dei sussidi di disoccupazione ma non la proroga del programma per l’elargizione dei buoni pasto, cui il presidente tiene molto e cercherà di far approvare un apposito disegno di legge entro la fine dell’anno, forte anche della maggioranza democratica in entrambi i rami del Congresso che svanirà a gennaio all’insediamento delle nuove camere.

Fonte: http://diariodellacrisi.blogspot.com/2010/12/lamerica-dei-buoni-pasto.html

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.