BOOOM DI PIGNORAMENTI … MA QUEST’ANNO ANDRA’ MEGLIO

Stampa / Print
Usa, nel 2010 oltre un milione di pignoramenti – 13/01/2011

Si tratta di una cifra record, mai raggiunta nella storia della prima economia mondiale…

Sono più di un milione le case che sono state pignorate negli Stati Uniti nel 2010. Una cifra record, mai raggiunta nella storia della prima economia mondiale. A renderlo noto, ieri, è stata la società di ricerca specializzata RealtyTrac, che ha specificato come il dato risulti in crescita del 14% rispetto allo scorso anno. Un segnale fortemente negativo non solo per i cittadini coinvolti, ma anche per il sistema americano in generale, dal momento che conferma le forti difficoltà che ancora affliggono l’economia reale. La questione dei pignoramenti, in particolare, è stata al centro di forti polemiche nei mesi scorsi, dopo che alcuni dipendenti di importanti istituti di credito avevano ammesso che – visto l’elevato numero di mutuatari insolventi – non avevano avuto il tempo di controllare con accortezza, uno per uno, tutti i dossier. Le banche, dunque, si sono impossessate di migliaia di case senza neppure aver analizzato a fondo le situazioni di ciascun proprietario immobiliare. Ciò ha provocato reazioni indignate non solo da parte dell’opinione pubblica ma anche dal mondo politico: per alcuni mesi, per questo, alle banche è stato imposto il congelamento delle procedure di pignoramento, in attesa di controlli specifici. Probabilmente, quindi, senza l’esplosione di questo scandalo la cifra – che per l’esattezza ha raggiunto 1.050.500 di casi – sarebbe stata ancora più alta. D’altra parte la stessa Federal Reserve ha indicato, nello scorso mese di novembre, di non attendere un calo del numero di pignoramenti per lo meno fino al 2012.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *