MMS sotto accusa … forse perché funziona?

Stampa / Print
Mentre le notizie sull’epidemia di colera ad Haiti (scoppiata in seguito ad un terremoto presumibilmente artificiale) sono sempre peggiori, c’è chi pensa che un prodotto di basso costo e facile somministrazione (l’MMS – Miracle Mineral Solution) potrebbe guarire gli ammalati e fermare l’epidemia.
Questo prodotto nel frattempo è sotto attacca da parte della FDA negli Stati Uniti d’America (e sappiamo bene come la FDA approvi l’utilizzo del tossico aspartame, di pericolosi vaccini anti-influenzali ed altro ancora, mentre frena la diffusione di terapie naturali) e da parte della magistratura in Italia.
Ma questo prodotto funziona davvero? E davvero può guarire la malaria come afferma Jim Humble, che per primo lo ha sperimentato come rimedio farmacologico per molte malattie ed ha cercato di diffonderne l’uso?
Io posso dirvi che conosco personalmente persone che l’hanno utilizzato con successo (una delle quali collabora regolarmente con questo blog) mentre io l’ho sperimentato ed ho dovuto lasciare perdere, il mio stomaco non lo sopportava (mi generava un’eccesso di acidità intollerabile).
Di sicuro due o tre casi non permettono di avere certezze sulla validità di un prodotto ma di chi mai potremmo fidarci? E chi mai potrebbe essere interessato a portare avanti test clinici che ci forniscano dati statisticamente validi? Se il prodotto fosse veramente valido le case farmaceutiche cercherebbero in ogni modo di fermarne l’utilizzo, dal momento che sarebbe un rimedio di basso prezzo e di facile somministrazione. L’esperienza del vaccino per l’influenza suina del resto ci ha mostrato come tutte le istituzioni sanitarie peccano di un clamoroso conflitto d’interessi e siano quindi inaffidabili.
Viene quindi forte il sospetto che l’MMS venga preso di mira proprio perché funziona (anche se non necessariamente per tutte le persone, o per tutte le malattie, come del resto avviene per qualunque farmaco in commercio).
Qui di seguito un comunicato stampa (pubblicato su notiziaoggi.it) sul sequestro dell’MMS al distributore italiano.
Buongiorno
Vi scrivo in merito ad un vostro articolo riguardante un prodotto chiamato MMS. Nell’articolo sono state fatte alcune affermazioni di parte e superficiali. Trasmetto questo comunicato pregandovi di pubblicarlo o di farlo pervenire agli incaricati della vostra redazione.
Grazie

COMUNICATO STAMPA – MMS ITALIA

Totalmente certo della giustezza delle sue ragioni Miracle Mineral Italia afferma che: l’MMS un semplice potabilizzatore per l’acqua, che se usato seguendo i protocolli sviluppati da Jim Humble è in grado di aiutare il sistema immunitario a superare un numero sterminato di patologie, a provarlo vi è a livello planetario un numero incontabile di storie di successo.

Ai media che sull’MMS e su di noi hanno gettato fango chiediamo di dare lo stesso risalto a questo comunicato stampa.

Informiamo che il sodio clorito acidificato è stato approvato dalle autorità sanitarie quale additivo alimentare per il trattamento delle carni e come potabilizzatore, informiamo che la ASL di Ferrara ha approvato il sodio clorito per usi dentistici.

E’ un diritto delle persone sapere la verità e se l’MMS è veramente in grado di fare ciò che si afferma, di conseguenza chiediamo che sull’MMS vengano effettuati test clinici, con la supervisione di esperti di nostra fiducia, questo è l’unico modo per dirimere la questione.

Al Ministro Fazio che prontamente si è congratulato con i NAS per la brillante operazione, avendo giurato di essere di aiuto, chiediamo di rispettare il giuramento fatto e di ordinare test clinici.

All’autorità giudiziaria che ci accusa di abuso della professione medica, chiediamo il rispetto del nostro diritto costituzionale ad avere giustizia e di ordinare test clinici sull’MMS.

Ai media chiediamo di dare una corretta informazione dando spazio anche agli argomenti a favore dell’MMS da noi sostenuti.

Maurizio Moretti

Fonte: http://scienzamarcia.blogspot.com/2010/11/mms-sotto-accusa-forse-perche-funziona.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *