COSA DONANO QUESTI MILIARDARI?

Stampa / Print

TUTTOCOBRAF

In America i milionari possono dedurre dalle tasse gran parte delle loro donazioni caritatevoli, un concetto che io pensavo bello, fino a quando non ho controllato per caso come funziona. Innanzitutto ho visto che in questo modo risparmiamo qualcosa come 150 miliardi di dollari in tasse l’anno. Ma tu dirai: “eh.. va bene, però poi i vari Bill Gates e George Soros usano i milioni risparmiati a fin di bene, per aiutare chi ha bisogno… il governo si ritrova meno fondi ma loro li spendono meglio…è gente che sa di finanza ed illuminata…”

George Soros ad esempio ha creato decine di “NGO”, enti non-profit in cui nomina lui il personale e indica cosa fare e a cui dona milioni che così appunto deduce dalle tasse e il più famoso è l'”Open Society” in Europa.

Bene, come usa i milioni che Soros risparmia dalle tasse il suo ente non-profit ? mette su uffici in tutta Europa che assumono gente per insegnare agli zingari come accedere meglio ai fondi comunitari. Come leggi oggi sul Financial Times che specifica che i Rom o “Roma” hanno diritto a circa 17.5 MILIARDi di euro di denaro dei contribuenti in sussidi vari come minoranza svantaggiata e discriminata nella UE.

Dato che districarsi nella burocrazia per attingere a questi finanziamenti a volte è complicato ecco Soros che li aiuta. Usando i soldi dei contribuenti, perchè usa quelli che ha risparmiato dalle tasse, donandoli alla causa di insegnare agli zingari come ricevere più sussidi pubblici. Quindi i contribuenti (gli zingari come noto non pagano molte imposte) prima sovvenzionano i Rom e poi Soros che insegna ai Rom come incassare le sovvenzioni

Questo è solo un esempio tra i tanti: i miliardari come Soros riducono della metà il loro imponibile donando milioni ad enti che loro creano i quali poi perseguono finalità politiche precise, in genere cause pro-immigrazione di massa dal terzo mondo, pro-minoranze “svantaggiate”, definite come razziali ed etniche o gay ecc…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *