Stampa / Print


Del rapanello (o ravanello) se ne mangiano le radici di un rosso solferino, crude e di sapore piccante, la cui digeribilità è favorita dal fatto di mangiarne sempre insieme anche le foglioline.
è diuretico, protegge il fegato, è ricco di vitamina C.

Il succo spremuto, mescolato con zucchero o miele è utile a combattere le vecchie tossi.
Contro la renella, per esempio, si può preparare con il rapanello una specie di sciroppo, che si fa tagliando per lungo un buon numero di rapanelli e ponendoli poi in un recipiente smaltato o verniciato, a strati sovrapposti, ricoperto ognuno di zucchero.
Si lascia il tutto a riposo per un po’ di tempo, una o due giornate. Poi, inclinando il recipiente, si raccoglie quel liquido che ne esce e si conserva per una cura, quando la quantità è sufficiente.
La dose è di due cucchiai al giorno, per un mese, prima dei due pasti principali.

Fonte: http://erbeperguarire.blogspot.com/2007/11/rapanello-diuretico-e-contro-la-tosse.html

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.