Stampa / Print
Il Papa difende la famiglia tradizionale
e cento coppie gay si baciano al suo passaggio

Protesta provocatoria per la visita a Barcellona, dove ha consacrato la Sagrada Familia Circa 200 gay e lesbiche si sono scambiati un “bacio di protesta” mentre papa Benedetto XVI usciva dall’Arcivescovado di Barcellona, diretto verso la Sagrada Familia.

Il “bacio collettivo” è avvenuto sulla piazza della cattedrale, a poche decine di metri dall’auto di Benedetto XVI, Dal gruppo sono partiti anche fischi e grida di contestazione rivolti al Pontefice. Le associazioni gay-lesbicheavevano annunciato nei giorni scorsi l’iniziativa del bacio “collettivo”. Un “bacio di due minuti”, avevano anticipato, “uomini con uomini e donne con donne” per protestare contro le posizioni del Vaticano sull’omosessualità. E il Papa, oggi a Barcellona per la consacrazione della cattedrale intitolata alla sacra famiglia, è tornato su questo concetto: ”L’amore generoso e indissolubile di un uomo e una donna è il quadro efficace e il fondamento della vita umana nella sua gestazione, nella sua nascita, nella sua crescita e nel suo termine naturale”. Benedetto XVI ha chiesto “l’attenzione, la protezione e l’aiuto alla famiglia”.

La Chiesa invoca ”adeguate misure economiche e sociali” affinchè “la donna possa trovare la sua piena realizzazione in casa e nel lavoro”. “L’uomo e la donna che si uniscono in matrimonioe formano una famiglia – ha detto il Papa – siano decisamente sostenuti dallo Stato”, aggiungendo che “si difenda come sacra e inviolabile la vita dei figli dal momento del loro concepimento” affinchè “la natalità sia stimata, valorizzata e sostenuta sul piano giuridico, sociale e legislativo”.

Prima della cerimonia nella chiesa progettata da Gaudì, il Pontefice ha avuto un breve colloquio con re Juan Carlos di Borbone e con la regina Sofia nella sala del museo. Poco dopo, l’architetto Jordi Bonet i Armengol, capo del progetto di costruzione della Sagrada Familia e dunque successore di Antoni Gaudì, ha illustrato al Papa e ai presenti lo stato di avanzamento dei lavori iniziati 128 anni fa. L’edificio sarà consacrato come “basilica minore”.

Fonte: http://www.ilfattoquotidiano.it/2010/11/07/75709/75709/

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.