Stampa / Print

Il Presidio organizzerà iniziative di solidarietà attiva con i cittadini coinvolti nell’alluvione. Al più presto pubblicheremo aggiornamenti su questo sito.
Leggi anche Le cause vanno cercate nell’oltraggio al territorio

L’alluvione che in queste ore sta colpendo Vicenza è prima di tutto il frutto amaro di una gestione del territorio scellerata e devastante: il dissesto idrogeologico è il risultato della cementificazione selvaggia e della mancata pulizia degli argini e dei fossati che ci hanno fatto trovare con l’acqua alla gola. E’ evidente che, passata l’emergenza, si dovrà fare piena luce sui fattori che hanno provocato questa situazione. Ed è altrettanto chiaro che i cittadini devono sapere se la palificazione all’interno del Dal Molin e il cantiere statunitense hanno rappresentato uno dei fattori che ha contribuito a determinare o peggiorare questa situazione. E se il rialzamento degli argini sul lato del cantiere ha contribuito all’inondazione della Lobia e dei quartieri circostanti. A tal proposito, i dati raccolti dal tavolo tecnico sulla falda acquifera – promosso, tra gli altri, da Comune e Provincia – devono essere resi pubblici al più presto. Proprio la scorsa settimana, infatti, avevamo posto precise domande al commissario Costa che, tanto per cambiare, si è ben guardato dal rispondere. Il Presidio Permanente NoDalMolin (anch’esso alluvionato) sta valutando in queste ore le iniziative di solidarietà attiva verso i cittadini colpiti dall’alluvione che saranno segnalate al più presto nel sito www.nodalmolin.it. Oggi, infatti, è il tempo della solidarietà.

Fonte: http://www.nodalmolin.it/spip.php?article1106

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.