Attivissimo è un complottista inconfessato

Stampa / Print
In questo post tentiamo di spiegare perché Attivissimo, quando parla dell’11 settembre, diventa un Savonarola anticomplottista, un fustigatore morale di gente che non gli piace, insomma. Come molti moralisti, egli fustiga negli altri quel presunto o reale “peccato” che ha in sé latente o già implicitamente espresso. Come tutti i moralisti, ne avrebbe anche lui di gatte da pelare… in casa sua, e di travi da togliere dai suoi occhi… anche perché lui
è uno dei più convinti complottisti d’Italia!
Complottista in che senso? Nel senso di teorico del complotto.
In tema di 11/9, lotta contro quel suo mulino a vento che è
Il Complottista
Il Complottista è il suo babau, il suo spauracchio, il suo uomo nero. Si tratta di un’espressione che lui usa per stigmatizzare in un colpo solo tutti quelli che la pensano in modi che non gli garbano. Negli usi che Attivissimo fa dell’espressione “complottista” si celano alcuni abusi.

Vaghezza e applicazione univoca: fallacie semantiche nella battaglia moralistica di Attivissimo
Nei suoi blog Attivissimo perpetua di giorno in giorno una serie di fallacie semantiche consistenti nell’abuso di espressioni vaghe, molto generiche e usate spesso a sproposito, in modo univoco, come, appunto, “Complottista”, “complotto”, “complottismo”, “cospirazionista”, ecc. Di per sé sono espressioni che hanno assunto negli usi contemporanei colorazioni spregiative, e questo passi. Il problema è che spesso Attivissimo non specifica, non ci dice di quali complottisti ci sta parlando: sta parlando dei complottisti di Icke che parlano di “rettiliani” oppure di personaggi di altissimo livello militare e politico come Robert Bowman, come Paul Craig Roberts, come il generale russo Ivashov, o l’agente della CIA Robert Steele? Di “complottisti” ce n’è una miriade, con idee e gradi di autorevolezza diversissimi. Per Attivissimo invece rientrano tutti indistintamente nello stesso girone infernale.

Ma magari il problema fosse solo la vaghezza! Infatti Attivissimo applica questi vaghi termini solo agli altri mentre, per il loro significato, dovrebbe applicarli anche a se stesso. E spieghiamo

Usa questi termini come un coltello che lui prende dalla parte del manico.
Li usa come se lui stesso non fosse complottista, come se la versione ufficiale della commissione governativa USA sull’11/9 non fosse una teoria del complotto, e una teoria del complotto perfino parecchio visionaria, internamente contraddittoria, quasi allucinatoria, e certamente apocalittica! (seguite il link per avere la spiegazione). Un vero Attivissimo di una volta non avrebbe potuto chiedere di più, se avesse cercato una bella panzana, una bella bufala da sbufalare… e invece che ci fa Attivissimo con quella possibile, anzi probabile bufala? Quasi un matrimonio, ci fa!

E se la prende con tutti quelli che non credono nella sua probabile bufala! Li chiama complottisti ma si dimentica o ignora, con un’ingenuità sconcertante e insieme psicologicamente affascinante, che uno dei più assidui, instancabili, influenti propugnatori di una teoria complottista in lingua italiana si chiama… Paolo Attivissimo!

Attivissimo un complottista? Ma che assurdità, dirà qualcuno.

Ma lui non era quello contro i complotti?

Sì, ma anche no… Attivissimo si dichiara sostenitore delle versioni ufficiali statunitensi sull’11 settembre. Infatti Attivissimo non ha praticamente mai avuto nulla di specifico da obiettare a quella probabile bufala ufficiale… complottista. Sì, perché contiene una teoria del complotto. E spieghiamo subito perché.

La versione ufficiale dell’11/9 esprime una teoria del complotto
Cos’è un complotto? Il dizionario italiano dell’uso di De Mauro dice che è una “congiura, cospirazione ai danni di qcn. o qcs.: organizzare, sventare un c.
Le parole più filologicamente corrette, in italiano, sarebbero ‘congiura’ e ‘cospirazione’ (il sinonimo ‘complotto’ è un francesismo). Cos’è una congiura? “accordo segreto finalizzato al rovesciamento improvviso e violento di un ordinamento statale e dei suoi rappresentanti”.
Cosa dichiarano le varie versioni ufficiali che emergono da vari organi ufficiali statunitensi? E, in particolare, cosa dichiara il resoconto della commissione governativa sull’11/9?
Dichiarano più o meno, in sintesi, che l’11 settembre sarebbe stato un complotto, una congiura, una cospirazione, un accordo segreto di decine e decine di terroristi islamici, capeggiati da Bin Laden e da altri, finalizzato al rovesciamento improvviso e violento dell’ordinamento statale statunitense e dei suoi rappresentanti.

Insomma, propongono una teoria del complotto di Bin Laden & Co.

Bin Laden & Co., per la versione ufficiale, avrebbero tramato nel segreto sia in Afghanistan sia in altre parti del mondo e negli stessi USA…

Dunque è la versione ufficiale ufficiale dice che l’11/9 è un complotto con forti elementi di “inside job” tramato da Bin Laden & Co.!

Secondo la versione ufficiale della Commissione governativa USA i cospiratori di Bin Laden sarebbero riusciti a mantenere magicamente segreta tutta l’operazione, senza che mai uscisse una “gola profonda” documentata da fonti indipendenti; senza che mai una spia li cogliesse con le mani in pasta! Senza che nessuno si accorgesse che tramavano qualcosa, fino al tragico giorno! senza che qualcuno di questi terroristi si lasciasse sfuggire qualcosa, due parole, un segreto ai loro fratelli, familiari, amici, ecc.!

Secondo la versione ufficiale, fino a quel tragico giorno, nessuno sarebbe riuscito non solo a prevedere, ma neanche a immaginare… il mirabolante complotto di Bin Laden! Un complotto di quelli da far rivoltare Popper nella tomba.

Ma questo è palesemente falso… perché gli strateghi statunitensi avevano messo in preventivo con anni di anticipo l’eventualità di attentati con aerei dirottati contro le Torri Gemelle e il Pentagono!

Ma questo è solo un assaggino sul grande complotto islamista in cui crede Attivissimo.

Che Attivissimo sia un sostenitore di una grandiosa teoria del complotto è assodato. E non ci sarebbe quasi nulla di male se la cosa finisse qui. In fondo i complotti, almeno su scala non così grande come con l’11 settembre, sono sempre esistiti. Basta aprire un libro di storia o qualche giornale.

Resta da vedere però una cosa: quanto è plausibile la teoria del complotto di cui Attivissimo è un fedelissimo?

Attivissimo crede in un complotto davvero probabile? e quanto? Davvero possibile?
NO, nella maniera più categorica.

Fonte: http://bufalattivissimo.splinder.com/post/21185049/5%29+Attivissimo+%C3%A8+un+complotti

Leggi altre notizie su Paolo Attivissimo nello “Speciale Paolo Attivissimo” – clicca QUI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *