Come il Cicap imparò a non preoccuparsi e ad amare il 9/11 debunking… abboccando alla “catena di sant’Antonio” di Atti?

Stampa / Print
O… L’epica di Attivissimo

Una ricostruzione della storia di successi dello sbufalatore dell’11 settembre

Ci ha dato lo spunto quanto scrive l’autore del sito http://xoomer.virgilio.it/911_subito, che si è guadagnato una buona autorevolezza su internet non per le credenziali dell’autore, non messe in evidenza, ma semplicemente per ciò che riesce a dire, per come riesce ad argomentare e per le sue ampie smentite allo stesso Attivissimo: “Il vero problema generato dalle bufale di Attivissimo è che il 90% della gente non si preoccupa nemmeno di ragionare su quello che legge: gli basta leggere che “hanno smentito l’ipotesi complottista“, e automaticamente ci crede e pensa “Lo sapevo che era tutto falso”, e non si preoccupa nemmeno di leggere in dettaglio le ipotesi di Attivissimo, tantomeno di ragionarci su o verificarle. Figuriamoci, troppa fatica. Meglio evitare di ragionare e limitarsi a credere a ciò che ci conviene per atto di fede. Ma la cosa peggiore è che passa queste risposte errate anche ai suoi conoscenti con i suoi stessi dubbi, che a loro volta ci credono sulla parola e le passano ad altri, e così via.” (http://xoomer.virgilio.it/911_subito/attivissimo_ignorante.htm ) Questa descrizione, pur generica, noi la sottoscriviamo, date le nostre altre indagini su Attivissimo e sui suoi utenti più settari e superficiali. Tale descrizione fa pensare all’eterna battaglia di Attivissimo contro le catene di sant’Antonio, una battaglia generosa che è stata molto utile alla comunità di internet. Ma che non ha impedito di nascondere la magagne del suo paladino. Infatti, sull’11/9 stavolta sembra essere proprio lo stesso Attivissimo l’autore di una riuscita “catena di Sant’Antonio” anticomplottista sui generis. E questa grande catena di Sant’Antonio è anche la grande Epica di Attivissimo. Attivissimo, intorno al 2002-2003, grazie alla sua eroica fama di “Scatenatore” di Sant’Antonio è passato a un debunking apparentemente impeccabile sull’11/9. E grazie a questo, quella che abbiamo chiamato la “setta di opinione” anticomplottista-ufficialista ha finito per andare in visibilio (o bisognerebbe dire in coma profondo?).

I primi baluardi conquistati: Introvigne e Zucconi

Non solo: il tam tam partito dai siti anticomplottisti di Attivissimo, amplificato e propagato da suoi fedelissimi, da altri blogger ingenui ma anche da utenti disattenti, da navigatori abituali e occasionali catturati dagli ammalianti tecnicismi analitici dello Sbufalatore internettiano, ha fatto vittime “illustri” (per modo di dire…): da Altraeconomia, a Massimo Introvigne, a Vittorio Zucconi. Anche le anime di costoro hanno trovato solidale conforto nello Sbufalatore del Web e hanno iniziato a credergli ciecamente. Così, fra un tecnicismo e una “fonte governativa”, fra un’intervista a un fantomatico pilota anonimo e una citazione di seconda mano da un sito inglese di debunking, questi personaggiotti del giornalismo italiota mai hanno sospettato che, a suo modo, anche l’Attivissimo demitizzatore potrebbe avere qualche negromantico potere bufalogeno. Mai hanno pensato che Lui possa avere almeno un po’ del carisma settario di un leader di comunità internettiane capace di pilotare, con qualche semplice accortezza retorica, l’opinione pubblica. Forse perché Lui portava un vangelo tranquillizzante: la menzogna di Stato non esiste, la menzogna è solo dei dissidenti, il terrorismo di Stato non esiste, il crimine di Stato non esiste e possiamo continuare a riporre cieca fede nei nostri leader, nei nostri Führer.

La buona novella ufficialista, dal Canton Ticino al CICAP

Fu così che la buona novella ufficialista dal Canton Ticino iniziò la sua calata per il Bel Paese, diffondendosi per i fori virtuali e poi per le piazze reali, a tal punto che, dai e dai, è finito per cascarci, letteralmente, lo stesso Massimo Polidoro del Cicap, e poi il Cicap “tutto” (per una volta incredibilmente indifferente agli improbabili fenomeni paranormali descritti nella versione ufficiale sull’11/9!).

L’ultimo baluardo e l’incredibile colpaccio

E, infine, la grande catena “anticomplottista” innescata da Attivissimo è riuscita a imbrigliare persino l’ultimo baluardo della “autorevolezza” scientifica: nientepopodimeno che il mitico Grande Vecchio Divulgatore Scientifico di Stato: Piero Angela! Un colpaccio incredibile per Attivissimo, date le sue credenziali non esattamente da Premio Nobel per la fisica – essendo i vertici del suo curriculum studiorum rappresentati da un diploma in lingue (se va bene) in qualche istituto superiore e (forse) da qualche imprecisato corso di informatica o (forse) da un passato da smanettone informatico autodidatta (forse) in qualche baita del Canton Ticino (siamo stati costretti a lavorare d’immaginazione, poiché il suo CV online non è certo prodigo di dettagli sulla sua formazione).

Un Attivissimo epico…. oseremmo dire da leggenda… (urbana?)

Fonte: http://bufalattivissimo.splinder.com/post/21247951/come-il-cicap-imparo-a-non-preoccuparsi-e-ad-amare-il-911-debunking-abboccando-alla-catena-di-santantonio-di-atti

Leggi altre notizie su Paolo Attivissimo nello “Speciale Paolo Attivissimo” – clicca QUI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *