Pubblicità subliminale, scie chimiche e pseudo impegno sociale

Stampa / Print

In questo video musicale della canzone Float, del gruppo Flogging Molly, possiamo vedere al minuto 1 e 23 secondi comparire uno dei soliti aerei con scia al seguito che sembra inserito forzatamente nel contesto del video.

La spiegazione più probabile di tale vero e proprio innesto è il fatto che moltissime aziende pubblicitarie, cinematografiche, aziende che producono video musicali etc. sono possedute da persone ben inserite nel sistema di potere occulto che da tempo vuole controllare l’umanità tramite l’uso di scie chimiche, vaccini tossici ed altri veleni.

Non sono in grado di dire se i membri del complesso Flogging Molly siano a conoscenza delle scie chimiche oppure no, perché è indubbio che esistano ancora molte persone che non si sono rese conto di quanto avviene nel cielo sopra di loro (la censura dei mass media fa il suo effetto, e non è sempre facile accorgersi di certe cose se nessuno te le fa notare); quello che è sicuro è che queste persone si sono nel migliore dei casi piamente illuse di fare del bene per il prossimo mettendo sul loro sito i link di varie ONG (organizzazioni non governative) di un certo rilievo, e sappiamo bene che le ONG di di un certo rilievo difficilmente sono delle organizzazioni che fanno solo del bene senza perseguire secondi fini.

A tal proposito viene in mente la “generosità” del plurimiliardario Bill Gates che regala soldi col fine di diffondere le vaccinazioni, lasciandosi scappare poi che coi vaccini vuole ridurre la popolazione mondiale.

Una di queste organizzazioni il cui link troviamo sul sito della band, http://www.goalusa.org/, scrive sulla home page del proprio sito:

Latest news: Clinton must take charge:
GOAL CEO John O’Shea has called on the Irish Government to use its influence at EU and UN level to initiate a campaign that would see former U.S. President Bill Clinton take overall charge of the Haitian rehabilitation effort.

Ovvero il dirigente della GOAL chiede chiede che il govenro irlandese faccia pressioni affinchè l’ex presidente USA (è notorio che i presidenti USA siano tutti dei bravi ragazzi, sempre in prima linea nella lotta per la pace e la cooperazione del mondo vero?) assuma su di sè il carico (ovvero il controllo) di tutti gli sforzi per dare aiuto ad Haiti dopo il terremoto. Mi permetto di dubitare che ciò sia per un buon fine, anche perché ho vivo il ricordo di certi “aiuti” americani che hanno causato migliaia di invalidi.

Da notare come nella stessa pagina la Goal si vanti di essersi accaparrata il più grande contratto mai firmato da una ONG irlandese col governo statunitense.

Ad ogni modo tutto sommato quella dei Flogging Molly è una bella canzone, godetevela.

Fonte: http://www.scienzamarcia.blogspot.com/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *