Il Governo Usa dice che nel golfo non c’è più petrolio ma viene totalmente smentito dalle immagini satellitari

Stampa / Print
Il Governo Usa dice che nel golfo non c’è più petrolio ma viene totalmente smentito dalle immagini satellitari

By Edoardo Capuano – Posted on 08 agosto 2010
Foto satellitare del Golfo del MessicoAlcuni giorni fa sia il governo federale degli Stati Uniti, sia i media statunitensi hanno fatto sapere ai propri cittadini e al mondo intero che la marea nera nel Golfo del Messico era scomparsa. Stando alle loro teorie i batteri marini si sarebbero mangiati tutto il petrolio del Golfo. Ma è davvero cosi? Perché in realtà le foto satellitari smentisco totalmente queste teorie. Nelle foto satellitari si vede chiaramente una enorme chiazza di petrolio che copre un’area di quasi 12mila miglia quadrate. MODIS / Aqua satellite e RADARSAT hanno scattato, lo scorso 28 luglio (2010), delle foto che hanno lasciato a bocca aperta tutti coloro che hanno creduto al governo federale e ai media. In esse si vedono chiaramente enormi chiazze lucenti di petrolio (demarcate dalla linea arancione) che si possono solo attribuire all’esplosione della piattaforma Deepwater Horizon e alla conseguente fuoriuscita del petrolio. Le chiazze si estendono su un’area di 11.383 miglia quadrate pari a 30.644 Km2. Clicca qui per ingrandire Nella foto si può scorgere una anomalia (segnalata nella cartina) che potrebbe essere attribuita o all’uscita del Mississippi nel Golfo, oppure alla dispersione e dissoluzione nel mare del metano, o alle sostanze chimiche dissolte in mare dalla BP per tentare di neutralizzare la marea nera. Inoltre si possono notare altre tre chiazza che possono essere correlate alla fuoriuscita di petrolio e/o del gas naturale. Sempre nella foto si nota inoltre la grande chiazza di petrolio al largo della costa della Louisiana e Mississippi. Ciò inquieta perché il governo statunitense ha di recente riaperto quelle acque alla pesca sostenendo appunto la menzogna che non c’è più petrolio nelle acque del Golfo del Messico. Un atteggiamento quello del Governo federale che lascia a dir poco stupiti. È evidente che il governo sapeva e sa tutto, ma ha fatto e fa finta di nulla. Clicca qui per ingrandire Il petrolio sta inquinando tutte le coste e si sta propagando pure al di fuori del Golfo del Messico. Molte sono le segnalazioni, accompagnate da video e foto, che attestano questo pericoloso fenomeno di propagazione della contaminazione. Un esempio eclatante è la segnalazione di un residente di Barnegat Bay nel New Jersey, fatta lo scorso 22 maggio (2010), mediante un eloquente servizio fotografico che non lascia alcun dubbio. L’interessato vive in riva alla costa e ha pure girato questo filmato: Traduzione riassuntiva e rielaborazione linguistica a cura di: Edoardo Capuano / Fonte: blog.alexanderhiggins.com

Fonte: http://www.ecplanet.com/node/1641

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *