Free Energy ovvero energia gratuita, libera.

Stampa / Print
Ma è possibile? Può veramente esistere un tipo di energia disponibile in quantità illimitata, gratuita e per tutti?

E’ un sogno dell’umanità ma effettivamente c’è poco da sognare. La free energy esiste è dappertutto e aspetta solamente di essere utilizzata. E’ questo il vero ed unico scoglio: la scoperta di modi efficienti per poter utilizzare l’immenso quantitativo di energia che esiste nell’universo, ovunque.

Oggi siamo come nella situazione di essere bombardati da decine di canali satellitari e di intestardirci ad utilizzare i fili dell’alfabeto morse: non è con un filo che si riceve un segnale satellitare! E allora bisogna lasciar spazio alla libera ricerca, alla passione ed alla voglia di nuovo, ripuliti da schemi mentali e dalle paure che spesso limitano la nostra visione.

Ci vuole convinzione. La free energy esiste e si può ritrovare in tutte quelle fonti inesauribili che ci attorniano tutti i giorni. L’energia solare in tutte le sue forme, la forza di gravità, l’elettromagnetismo, l’energia radiante, il calore terrestre, la forza delle maree, l’energia di Punto Zero, la corrente dei fiumi. Forse ne ho scordata qualcuna, forse alcune di queste vi suonano “esoteriche” ma le altre esistono vero? Beh, in fondo con una buona organizzazione, ne basterebbe una forma soltanto eppure la natura nella sua ricchezza ce ne propone a decine… dobbiamo solo utilizzarle. Ed è la natura stessa ad indicarci la via.

La natura cerca SEMPRE l’equilibrio e fà di tutto affinchè questo si raggiunga. Per avere energia bisogna riuscire a creare del “caos controllato” e la natura metterà di suo il lavoro necessario a ripristinare l’equilibrio. Ci vuole una differenza (di temperatura, di densità, di altezza, di potenza, di polarità), e la natura per compensare questo “gap” farà il lavoro che noi potremo sfruttare per accendere una luce, riscaldare un cinema e far correre una Monster 600.

Anche il M.E.G. non sfugge a questa legge e addirittura si rifà a due principi. Infatti da un lato sfrutta un’asimmetria (la reazione di Lenz è uno stato momentaneo di non equilibrio), che tende a ritornare ad uno stato di equilibrio. Inserendosi in questo preciso punto il M.E.G. riesce a sfruttare l’energia derivante dall’appiattirsi dell’asimmetria (e quindi dalla “cessione” di potenziale) per attivare la cattura di energia sotto una particolare forma che può essere definita di Punto Zero. Per questo ed altri motivi penso proprio che il M.E.G. possa funzionare veramente e possa essere prodotto con pochi soldi e diffuso a macchia d’olio in tempi brevi. Ma c’è bisogno della volontà di ottenere questo risultato poichè sicuramente sarà combattuto da tutte le autorità oggi esistenti in quanto basate sul controllo e non sulla libera espressione del singolo. Quindi, e questo sito è qui per questo, bisogna divulgare e trasmettere nella maniera più capillare e varia possibile tutte le informazioni sulla free energy, il M.E.G. e tutti i dispositivi ad essa collegati, in modo che non possa mai essere insabbiata e tenuta nascosta. E ricordatevi che chi nega per principio l’esistenza di energia illimitata (per quanta ne possa servire all’umanità!), vuole solo costringervi in un mondo dove tutto è scarso. E la scarsità rende potente chi possiede quel poco e schiavo chi ne necessita. Rende possibile dare un prezzo a cose che non lo hanno trasformando un diritto naturale in un bene da acquistare. Non facciamoci ingannare. Verità, Sperimentazione e Divulgazione. Noi di Progettomeg siamo qui per questo. Roy V.

Fonte: http://www.progettomeg.it/freeenergy.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *