Stampa / Print
Vi fidate di piu’ del governo e dei politici o di banca D’Italia???

Vi fidate di piu’ di 480 imprese o del presidente di confindustria???

A VOI LA SCELTA (voi sapete come la pensiamo).

STA DI FATTO CHE …l’indagine BANCA D’ITALIA CONFERMA CHE:

Prosegue nel secondo trimestre 2010, anche se in misura piu” contenuta, il graduale ridimensionamento delle valutazioni delle imprese sulla situazione economica generale del Paese. E’ quanto emerge dall”indagine trimestrale Banca d”Italia sulle aspettative di crescita condotta su un campione di 480 imprese.

In particolare, e” aumentata rispetto al precedente sondaggio la quota di imprese che hanno riportato un peggioramento delle condizioni economiche generali (dal 21,8% al 23,4%), mentre e’ scesa quella di coloro che le ritengono migliorate (dal 17,7% al 15,6%); e” sostanzialmente stabile la quota di imprese che hanno ritenuto invariata la condizione economica rispetto al trimestre precedente (60,9%).

Restano improntati alla cautela i giudizi sulle prospettive a breve termine del quadro congiunturale: oltre l”80% delle imprese intervistate esclude o giudica poco probabile un miglioramento della situazione economica nel prossimo trimestre, in linea con quanto registrato a marzo;

Di contro, l’11% delle aziende con almeno 1.000 addetti ritiene che la probabilita” di miglioramento sia superiore al 50% (saranno coloro che beneficiano dell’euro debole)

Crescono le preoccupazioni circa l”andamento dei corsi delle materie prime e le condizioni di accesso al credito (ma non eravamo in deflazione???).

Sebbene ancora ampiamente maggioritaria, risulta in ulteriore discesa la quota di imprese che attendono un miglioramento delle condizioni in cui opereranno nei prossimi tre anni (dal 68,2% al 63,6%), a fronte di un aumento di quelle che prevedono un peggioramento (dal 9,9% al 14,4%).

Fonte: http://ilpunto-borsainvestimenti.blogspot.com/2010/07/per-banca-ditalia-siamo-messi-male-per.html

About the author

Related Post

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.