Stampa / Print

I MERCATI VANNO COMPRATI (non sull’euforia ma sui ritracciamenti)

L’oro potrebbe diventare NON interessante!

questo importante grafico ci permette qualche importante considerazione:

1)Il decennale americano rende pochissimo (intorno a 2,90%) così come il decennale tedesco! I rendimenti sono letteralmente crollati in questi mesi, anticipando una possibile crescita anemica, o addirittura un DOUBLE DIP.

2) Bernanke sta ricattando coloro che vorrebbero far scendere i mercati azionari minacciandoli che LA FED PUO’ RICOMINCIARE A STAMPARE MONETA.

3) se stampa moneta è evidente che l’inflazione aumenta (dettata da svalutazione del denaro)

4) Coloro che attendono per effettuare investimenti SONO COSI’ OBBLIGATI a fare acquisti (per evitare un aumento dei prezzi nel futuro).

5) Le aziende hanno dimostrato di aver recuparato efficienza e l’outlook non è dei peggiori. Le valutazioni (rispetto agli utili) sono basse, in quanto gli investitori istituzionali temono il debito pubblico e una continua riduzione dei consumi.

6) Ma l’effetto Bernanke, unito, se necessario, a un po’ di QUANTITATIVE EASING a settembre (magari con l’OK della Merkel) POTREBBE AVERE TRE EFFETTI:

A) GLI INVESTITORI SCARICHI TORNANDO DALLE VACANZE ESTIVE A FINE AGOSTO POTREBBERO TROVARE I MERCATI PIU’ ALTI ED, ESSENDO SCARICHI, SARANNO OBBLIGATI A COMPRARE

B)I RENDIMENTI DEI DECENNALI USA E DELLA GERMANIA POTREBBERO TORNARE A SALIRE (l’opposto del fly to quality), L’USCITA DALLE OBBLIGAZIONI SAFE HEAVEN GENEREREBBE LIQUIDITA’ PER LA CRESCITA DEI MERCATI AZIONARI E PER UNA TEMPORANEA RIDUZIONE DELLO SPREAD OBBLIGAZIONI PIIGS-GERMANIA

C)IL RAPPORTO EURO DOLLARO POTREBBE RIMANERE FRA 1,20 E 1,33, PETROLIO E MATERIE PRIME STABILIZZARSI (A VALORI PIU’ ALTI DEGLI ODIERNI MA NON TROPPO).

Questo è il mondo ideale di Bernanke e la borsa potrebbe tirare la volata ad Obama e alle elezioni americane autunnali….il decennale tornare a 3,70%-4%, il debito continuare ad aumentare……

PRIMA DI UN’ULTERIORE CROLLO DELLE BORSE VERSO FINE ANNO O NEL 2011.

Questo è ovviamente lo scenario ottimista. E’ vero, VICEVERSA che se la politica americana fosse improntata a un maggior rigore…IL DOW JONES POTREBBE PRECIPITARE.

Oppure basterebbe che la fiducia venisse a mancare (ma cavolo….non è mancata in questi tre mesi di notizie pessime in Europa…non vedo perchè debba farlo ora)

Allo stato attuale tendiamo a essere piu’ ottimisti per i prossimi mesi e starei attento ad andare al ribasso….anzi, su discese repentine (e ad agosto le vedremo) potrebbe valere la pena di accumulare indici azionari .

I paesi privilegiati potrebbero essere quelli che hanno sofferto maggiormente e gli emergenti.
Da monitorare con attenzione lo spread BTP – Bund….

COMMENTO DI DEUTSCHE BANK DO QUESTA MATTINA!!!
Uncertainty about the situation in Europe has generated a substantial flow of “safe haven” money into US Treasuries… 10-year Treasuries are 60bps to 100bps lower than what is predicted by short rates, the business cycle, the fiscal stance, and inflation expectations. As the worries about Europe start fading among global investors – including later this week when the stress tests are released – we would expect the Greece premium in 10-year Treasuries to start shrinking.
Thus if this premium dissipates and U.S. government bond yields soar back to 4%, U.S. government bond prices will nose-dive. (Bond prices move in the opposite direction of yields) That’s how the recent Treasury rally could completely unwind. So keep an eye out for clues about Europe’s financial health tomorrow, when they release bank stress test results.

QUESTO SCENARIO OTTIMISTA NON TOGLIE I PROBLEMI DAL TAVOLO…LI SPOSTA E BASTA….I DEBITI PUBBLICI SONO ANDATI OLTRE…e sopratutto per l’Italia le cose non vanno bene!!!

Ricordatevi di diversificare i vostri risparmi . Non teneteli in Italia.

Fonte: http://ilpunto-borsainvestimenti.blogspot.com/

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.