Stampa / Print
Nel seguito la traduzione dal blogger tedesco Freeman, presente tra i manifestanti al Bilderberg di Sitges del giugno 2010. Il suo post ha per titolo: «Esseri liberi o servire i Bonzi?» Dambisa Moyo parla al cellulare davanti all’insegna di Dolce Resorts Le foto pubblicate e relative al meeting Bilderberg 2010 a Sitges, mostrano e confermano che la conferenza suddetta non è un meeting innocuo dove si prendono tè e pasticcini, dove si parla di cose banali e dove non si prendono decisioni importanti, come i media allineati ed altri apologisti hanno sempre descritto. Qui vediamo un contemporaneo piuttosto
disgustoso dalla dinastia svedese dei Wallenberg Le persone che abbiamo identificato non sono dei “signor nessuno”, dirigono invece imprese mondiali o appartengono ai più ricchi del mondo, o ancora dirigono organizzazioni mondiali e banche centrali, hanno qualcosa da dire e influenza per farlo. Etienne Davignon è PRESIDENTE ONORARIO della conferenza Bilderberg.
È stato vicepresidente della Commissione Europea. Siede in molti consigli di amministrazione di molte aziende o ne è presidente. Ad esempio: la Société Générale de Belgique, Union Minière, Accor, Tractebel, Arbed, Fortis, Anglo American Mining, Fiat, Suez, BASF, Solvay, Gilead, Imperial Chemical Industries, Pechiney, Foamex, Sofina, Recticel, CMB, SN Brussels Airlines. Ha il titolo onorario di un ministro statale, cosa che gli garantisce un posto al “Kronrat” belga (“consiglio della corona”). Cisneros zar sudamericano per il settore dei media, ha un patrimonio di 3,4 miliardi di US dollari e appartiene ai 150 uomini più ricchi del mondo. Con il suo gruppo aziendale, ha ricevuto concessioni da aziende americane come Burger King, Pizza Hut, Sears Roebuck und Blockbuster. È proprietario di innumerevoli emittenti tv in america latina e USA. È grande oppositore del presidente Chávez.
Prichard è il presidente di Metrolinx. Si tratta qui di un grande incontro tra coloro che hanno potere e quelli che ricevono ordini e che devono tradurli. Ci sono anche opportunisti che si augurano un salto di carriera, dato che i personaggi del Bilderberg sono coloro che “possono fare dei re”. Chiamare questa conferenza annuale del Bilderberg semplicemente un momento di chiacchiera trai vecchi uomini e vecchie donne, come alcuni fanno, è come chiamare una guerra di attacco come “missione di pace”, è un segno di totale mancanza di idea di ciò che è la realtà. Voser è stato nel consiglio di amministrazione di UBS ed ora
è capo supremo della Shel Olandese (Royal Duch Shell). Castries è presidente del consiglio di amministrazione
della compagnia di Assicurazioni AXA. Chi afferma che i personaggi Bilderberg non abbiano alcuna influenza sulla politica mondiale, è un ignorante o un disinformatore prezzolato. Giusto nello scorso week end l’ex segretario generale della NATO Willy Claes, presente al Bilderberg del 1994 e 1995, ha detto alla radio belga che ogni personaggio del Bilderberg, dopo l’incontro, riceve una rapporto completo sulle riunioni e da ognuno ci si aspetta che: “utilizzino questo rapporto traducendolo nella loro politica nel campo specifico di loro influenza”. Questo significa che ciò che viene discusso e deciso nel Bilderberg, si irradia poi in tutto il mondo e viene tradotto in realtà ed influenza tutte le nostre vite. Questi ordini non vanno solo ai partecipanti, ma anche ai molti “ex” che sono in posizione chiave. Claes conferma che i personaggi Bilderberger hanno grande influenza sulla politica e definiscono cosa deve accadere. Campbell è primo Ministro della provincia della British Columbia (Canada) e presidente del British Columbia Liberal Party (patito liberale della Brit. Columbia).
Mansbridge è il corrispondente principale e commentatore politico della
emittente tv canadese statale Canadian Broadcasting Corporation. Zoellick è l’ex viceministro degli esteri USA
e ora presidente della banca mondiale Tutti i partecipanti delle case reali, dei governi, delle organizzazioni mondiali, delle banche centrali e delle grandi case mediatiche non si prendono 4 giorni di vacanza dalle loro agende superaffollate, non viaggiano a volte per mezzo mondo, solo per stare in un hotel lussuoso, per mangiare qualcosa e passare il tempo in chiacchiere. Qui si elaborano strategie, si decidono politiche e si danno ordini. La ragione per cui si riuniscono anche rappresentanti di grandi Media e proprietari degli stessi è molto chiara. Il loro compito è di vendere al pubblico il programma approvato. Le parole quindi scorrono con questo motto: “passiamo le porcate in ogni luogo perché la popolazione abbia paura”. Çakir è un giornalista turco. Nei suoi ultimi articoli conferma la sua partecipazione alle conferenze Bilderberg, ma dice di non poterne parlare a causa delle rigide regole di Chatham House.
Dice solo che non si è parlato di Turchia.
Juan María Nin Génova è presidente della Banca ‘La Caixa’. Balsemão è l’ex presidente dei Ministri portoghesi e
comproprietario del gruppo portoghese Medien-Impresa. Chi è ora il nuovo nemico, perché si deve fare questa o quella guerra, perché si deve rinunciare a tutti i diritti di sovranità degli Stati, allo scopo di avere un unico governo mondiale, una unica moneta e soprattutto una soluzione globale che metta da parte tutti i problemi … che sono stati creati prima dagli stessi. Uno dei temi trattati nell’agenda di questo incontro Bilderberg 2010, udite udite…è stato il “global cooling“, il raffreddamento globale. Dopo che ci hanno mentito e impanicato per 20 anni con la paura di un surriscaldamento globale a causa della CO2, ora vogliono fare una virata a 180 gradi e annunciare una nuova era glaciale. Henry Kissinger Kleinefeld è l’ex amministratore delegato della Siemens AG.
Ora dirige la Alcoa. La ‘madre’ del Bilderberg, la regina Beatrice di Olanda. Quali fatti falsificati ed argomenti ci racconteranno ora i media per motivare questa cosa? Per tira fuori dalle nostre tasche altro denaro? Anche per questo avrà colpa la CO2 o ci sarà un nuovo gas killer? Cosa diranno i vari fricchettoni del clima, i Verdi, i salvatori del pianeta che sono strisciati sul viscido davanti a loro per un inesistente surriscaldamento climatico, ora che all’improvviso sarà loro tolto il presupposto della loro religione e dovranno credere a qualcosa d’altro, ovvero che il clima diventa più freddo? Il loro motto menzognero è: “I problemi globali necessitano di una soluzione globale”. Ma fondamentalmente vogliono ampliare una dittatura aziendale, una spa mondiale (ndt), su tutto il pianeta. Via tutti gli stati, i parlamenti, le frontiere, le valute e altri impedimenti nazionali, che mettono i bastoni fra le ruote al loro sogno di una potente impresa/azienda globale. Per loro tutto è un mega business e ciò e chi lo impedisce, viene tolto di mezzo. Questa è la globalizzazione, di cui solo loro traggono profitto, non certo noi. Ma noi lo vogliamo? Vogliamo essere governati da una élite di potere lontanissima, sconosciuta, non democraticamente eletta che si vede come membro di un consiglio di amministrazione globale, di cui noi siamo i suoi dipendenti? Volcker fu capo della FED ed ora è consulente finanziario di Obama.
Gioca un ruolo determinante nel sistema Bretton-Woods ed è il colpevole
principale della svalutazione monetaria nella crisi finanziaria.
Johnson è vicecapo della Perseus LLC e membro d’onore nel consiglio di Brookings Institution. In molti Paesi come la Germania, ci sono già riusciti: là le persone sono veramente solo del “personale”, non hanno nulla da dire, ma devono solo lavorare per consumare e pagare le tasse. Nel film “Network” che io ritengo tra i migliori sulla critica ai media, il capo della azienda dice a Mr. Beal: “non c’è alcuna America, non c’è alcuna democrazia. Ci sono solo IBM, ITT, AT&T, DuPont, Dow, Union Carbide und Exxon. Queste sono le nazioni del mondo, oggi … non viviamo più in un mondo di nazioni e ideologie. Il mondo è una unione di aziende, spietatamente impegnate nelle immutabili leggi del business. Il mondo è un business, Mr. Beal. È cosi da quando l’uomo è strisciato fuori dal fango primordiale. E i nostri figli faranno l’esperienza di un mondo perfetto in cui non ci saranno guerre o affamati, soppressioni o brutalità. Una grande Holding ecumenica,in cui tutti lavoreranno per un profitto comune e lo serviranno, in cui tutti avranno un uguale parte di azioni. Tutti i bisogni soddisfatti, tutte le paure placate, non più noia”. Si, è proprio questo quel che vogliono. Ma io ed altri non lo vogliamo. Io non sono una “Human Resource”, non sono un mezzo di scambio umano, a cui viene dato ordine a cosa e come pensare, fare, eseguire. Non sono un dipendente o meglio detto, non sono uno schiavo di questa mega azienda globale e loro non sono i miei capi. Wellink è il presidente della banca nazionale olandese. Non voglio che venga pensato al mio posto, che mi si accudisca come un bambino e non voglio essere intrattenuto a morte, per non provare la noia. Ma è proprio cosi che oggi funziona. Ci trattano come mucche, troppo stupide per pensare con la propria testa, incapaci di sopravvivere e che devono quindi essere riempite di mangime e guidate perché cosi possono essere munte e alla fine macellate. E questa promessa, se c’è l’azienda mondiale globale, che siamo tutti una famiglia felice, in cui non ci sono più guerre e la pace regna sul pianeta è una menzogna, la più grande menzogna. Questa è la pace di un camposanto, che si può raggiungere solo con una massiccia oppressione e con la forza. Questa illusione di pace mondiale è stata promessa da tutti i dittatori e despoti delle varie ideologie del passato, se solo si fosse dato nelle loro mani abbastanza potere e rinunciato cosi al diritti di libertà. Tutti però hanno fallito e milioni sono morti; essi hanno lasciato dietro di loro solo distruzione e miseria. Scholten è membro della Presidenza della banca di controllo austriaca Kontrollbank AG. Egli partecipa abitualmente ai meeting del gruppo Bilderberg. Hommen è capo della ING Groep N.V, il maggiore capo della finanza olandese. Non siamo cittadini europei, Non identificateci con questa costruzione filosofica artificiale chiamata Unione Europea, che avete creato senza chiederci se volevamo una Unione europea o un euro. Questo fu dettato dall’alto. Non siamo nemmeno cittadini del mondo. Tutto questo è ridicolo e contro natura. Volete obbligarci a prendere questa paccottiglia unitaria priva di cultura, di volto e perversa; molti cadono in questa perfida propaganda, si vedono veramente come senza patria, come internazionali ma sono solo degli zombie che hanno rinunciato alla loro identità ed origine. Cosi come l’impero romano conquistò tutti i popoli del mondo allora conosciuto e li costrinse alla progredita cultura romana, data una presunta superiorità e per questo dovette fare sempre guerre e sopprimere rivolte, gli imperatori odierni cercano di motivare la stessa ovvietà. Come allora essi dicono che è per il nostro bene, per la nostra sicurezza e pace. Almunia è commissario EU spagnolo responsabile per la concorrenza.
Alla sua sinistra Francisco Jiménez, General Manager dell’Hotel Dolce Sitges.
L’ho conosciuto, quando sono stato ospite in hotel alcune settimane fa. Kroes è commissaria Eu per il programma digitalizzazione (Digitale Agenda).
Faceva parte dei vari consigli di amministrazione di famosi imprenditori e tra l’altro è stata ministro olandese per il commercio. Il raggiungimento e il mantenimento di quel regno mondiale fu molto costoso e dispersivo, incalcolabile e crollò. La stessa cosa la viviamo ora con l’indebitamento astronomico degli stati e la crisi finanziaria mondiale. La colpa è della globalizzazione che ci ha messo tutti in una rete e ci ha reso dipendenti l’un l’altro. Hanno distrutto tutti i meccanismi di protezione, le leggi nazionali, le frontiere, le monete, la politica finanziaria. Se ora un Paese finisce in crisi tutti ne siamo come infettati e dobbiamo ripagare le spese dell’altro. Qual’è la nostra scialuppa di salvataggio? Tornare indietro in piccole unità comprensibili, lontano dalla dipendenza e dalla determinazione da “estranei”, tornare alla responsabilità individuale e all’autoapprovvigionamento. I singoli Stati devono ritornare alla loro sovranità e le unità locali devono essere rafforzate. Solana è stato segretario generale della NATO, segretario generale del consiglio dell’Unione Europea e massimo rappresentante per la politica comunitaria estera e di sicurezza. Vogliono risolvere la crisi debitoria, che loro stessi hanno causato, con sempre più debito. Un vero delirio. Pigliano denaro dal nulla, per tappare buchi che soprattutto loro fanno. Trattano gli alcolizzati con sempre più sostanze per ubriacarli finché cosi arriva la cirrosi epatica e muoiono. Dobbiamo perciò difenderci e respingere con il cartellino rosso e cacciare dal loro posto quei politici che ci hanno costretto in questa Unione Europea non democratica e uniformata e che vogliono continuare ancora a costruirla e addirittura vogliono portarci in una Unione mondiale. Katainen è ministro delle finanze finlandese. Ollila è presidente del consiglio di Nokia e membro nella
presidenza di Ford e Royal Dutch Shell (Shell olandese). Padoa-Schioppa ex ministro dell’economia e della finanza italiano, direttore generale per l’economia e finanza della comunità europea facente veci del direttore generale della Banca d’Italia, presidente della CONSOB Italia (ente di controllo della Borsa) e membro del direttorio della banca centrale europea. È uno dei padre dell’euro. La maggior parte dei politici lavora contro di noi, sono traditori, servono poteri stranieri, ci vendono, non hanno alcun interesse al nostro benessere. Non gliene frega una mazza di quel che ci succede, se ne sbattono altamente. Sono come attori sul palcoscenico che fanno quel che il regista prescrive loro. E con questo ritorniamo ai personaggi del Bilderberg: quelli che tirano le fila di queste marionette. Halberstadt è nella commissione guida del Bilderberg, professore di economia all’università di Leiden e consulente internazionale della Goldman Sachs. Bäckström ex governatore della banca centrale svedese
ed ora capo dell’associazione industriali svedese. Giusto per mostrare in quale mondo vivono questi bonzi, voglio illustrarvi quel che ho visto, mentre facevamo loro le foto. Si sono librati nell’aria con i loro jets privati: un intero aeroplano solo per loro; sono stati prelevati con un bus per pochi metri e portati al terminal. Qui niente controllo passaporti o dogana. Niente perlustrazione bagagli né certo controlli sul corpo. Sono saliti quindi sulle loro Limousin e sono stati portati dall’autista nell’hotel di lusso, dove un esercito di poliziotti faceva loro la guardia. Elicotteri sorvegliavano la zona e motovedette pattugliavano il mare. Qualcuno sa chi è questo personaggio?
Non si tratta di gemelli, sono di due scatti vicini. Di cosa avevano paura? Certo non dei pochi manifestanti e dei pochi personaggi dei media alternativi che erano li presenti. Per ogni manifestante c’erano 4 poliziotti. Si tratta per loro di mostrare potere. “Vedete Possiamo fare quel che vogliamo e non ve ne deve fregare niente di ciò che qui discutiamo. Voi povere nullità”. Hormats è un grosso calibro dei personaggi del Bilderberg.
Segretario di stato per l’economia, l’industria e l’agricoltura nel governo Obama. In precedenza presidente del consiglio in Goldman Sachs, viceministro degli esteri USA, fu consulente economico di Henry Kissinger, del Gen. Brent Scowcroft e di Zbigniew Brzezinski.
Membro delle seguenti organizzazioni:
Securing America’s Future Energy (SAFE), the Economic Club of New York, the International Bank for Reconstruction and Development, the Irvington Institute for Immunological Research, Engelhard Corporation, Rockefeller Center Club, the Pacific Council on Foreign Policy, e Freedom House. È membro della Commissione Trilaterale e del Council on Foreign Relations. dos Santos è il ministro delle finanze del Portogallo. Chi è questo personaggio? Loro non si sono dovuti attenere alle severe leggi di sicurezza e ai controlli che a noi hanno invece riservato. Solo noi schiavi dobbiamo quasi denudarci all’aeroporto, consegnare ogni liquido, dobbiamo essere palpati passare attraverso raggi, mostrare mille volte il passaporto chippato ed essere trattati come bestiame. Non loro di certo. Loro vivono in ben altro mondo, che con noi non ha nulla a che fare. Uno di questi ‘succhia sangue’ mi ha chiesto: “Lei è qualcuno o prende uno stipendio?” Questo vi dice tutto di cosa pensano di noi. Fonte originale: alles-schallundrauch.blogspot.com / Traduzione dal tedesco e sintesi: Cristina Bassi / Fonte: cafedehumanite.blogspot.com

Fonte: http://www.ecplanet.com/node/1534

About the author

Related Post

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.