Stampa / Print

Sentivo dei commenti stanotte su CNBC Asia sul fatto che se il cambio dell’Euro (grafico) contro Yuan cinese continua a scendere così i cinesi dovranno spostare le loro fabbriche in Spagna ed Italia per poter continuare ad esportare in Europa.

Per nostra fortuna e per disgrazia della Cina l’euro è sceso ora dai 10-11 Yuan del 2006-2009 a 8.5 Yuan e ora i cinesi o esportano in perdita o devono smettere di esportare da noi. Se l’Euro resta sotto 1.25$ o scende ancora l’export della Cina verso l’Europa si ferma e la borsa cinese che frana da mesi lo indica già

Il cambio Euro/Renmimbi (il vero nome sarebbe Renmimbi e non yuan sembra) è stato lo strumento con cui i cinesi ci hanno fatto il mazzo per usare una terminologia tecnica, astutamente. Dal 2001, quando i politici occidentali approfittando dell’11 settembre che distraeva hanno tolto di colpo e senza discutere tutte le barriere commerciali verso i prodotti cinesi, l’Euro/Renmimbi era andato da 6 a 10-11 (!!!) cioè +70 o +80%. Ovvio che quando la tua valuta sale in modo così drammatico rispetto ad un altro paese poi ti metti ad importare da quel paese.

Il differenziale del costo del lavoro è la balla che viene raccontata al popolo per farlo sentire in colpa, ma se ci pensi un attimo mandare delle magliette o altri articoli che costano 9 euro da una città cinese dell’interno a Shangai e poi farla arrivare circunavigando l’Africa per nave ha costi di trasporto e logistica che probabilmente lo compensano, specie da quando il petrolio è andato sopra 70-80 dollari. Esportare dalla Cina alla California costa molto meno, arrivare in Europa per nave vale pena per prodotti tipo un auto Honda o KIA o Toyota o elettronica Sony o Samsung che hanno costi unitari di almeno 50 o 500 di euro o migliaia di euro, non per pezzi di plastica o stoffa da 5 o 8 euro

Quello che contava per esportare in Europa dalla Cina era la svalutazione del tasso di cambio, perchè la Cina esporta beni che hanno pochissimo valore aggiunto, costo unitario bassissimo e su cui i margini di utile sono minimi, tipo 4% e se il cambio sale del 10% e devono abbassare il prezzo per mantere invariato il listino se lo mangiano tutto e vanno in perdita

Clicca sull’immagine per ingrandirla

Clicca qui per ingrandire

Fonte: http://mercatoliberonews.blogspot.com/2010/05/europa-2-cina-0-fonte-httpwww.html?utm_source=feedburner&utm_medium=feed&utm_camp

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.