Stampa / Print
Il ministro delle Finanze irlandese, Brian Lenhinan, renderà noti oggi i dettagli del suo piano per ristrutturare il sistema bancario del Paese. L’obiettivo è quello di liberare gli istituti di credito soprattutto dai prestiti “tossici” legati al mercato immobiliare, al fine di rilanciare il settore. Il responsabile economico del governo di Dublino parlerà oggi al parlamento mentre, separatamente, la National Asset Management Agency annuncerà il costo dell’operazione, che prevede anche il trasferimento dei bad loans di Allied Irish Banks e di Bank of Ireland Plc. Quello che Lenhinan tenterà di ottenere è un’uscita del sistema finanziario dalla crisi provocata soprattutto dal crollo del segmento real-estate. Ma non sarà facile, dal momento che stando alle stime degli analisti il settore bancario irlandese avrebbe bisogno di almeno 25 miliardi di dollari per risollevarsi. Secondo Brian Lucey, docente al Trinity College di Dublino – riferisce l’agenzia Bloomberg – le misure messe in campo dal governo potrebbero portare lo Stato a controllare la maggioranza in Allied Irish. Ma potrebbero non bastare: «Una trasfusione d’emergenza, ora, può garantire la sopravvivenza – ha spiegato Lucey -, ma in futuro potrebbero essere necessari altri interventi». D’altra parte, solo Allied Irish ha bisogno di 7 miliardi di euro per coprire le proprie perdite, secondo quanto riferito dall’Irish Times questa mattina. http://www.valori.it/italian/finanza-globale.php?idnews=2203

Fonte: http://mercatoliberonews2.blogspot.com/2010/03/lirlanda-si-prepara-salvare-il-sistema.html

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.