Stampa / Print
 di pino_corrias

Me lo aveva confidato uno dei suoi più stretti collaboratori tanto tempo fa: “Nessuno lo sa ma il Cavaliere non ha poi tanto coraggio. Anzi fisicamente è proprio un fifone. Non ha mai imparato a guidare per quello. Non sa stare senza scorta. Non sa stare da solo. Ha paura del buio e della notte. Fa il gradasso solo quando ha le spalle coperte. In azienda, se c’erano dei contrasti forti, preferiva defilarsi, poi magari si vendicava a freddo”.

A proposito di coraggio e di duelli tv. In sedici anni (5 elezioni politiche, 3 elezioni europee, altrettante regionali di peso nazionale) ne ha accettati soltanto due, uno con Occhetto, ma era la prima volta e non poteva rifiutare. Uno con Romano Prodi, ma obtorto collo, e per di più circondato da domande inoffensive e noiose quanto materassi (o cuscini). Per il resto ha preteso solo monologhi sulle sue reti o da Bruno Vespa. Oppure conferenze stampa blindate prive di domande sgradite. Oppure comizi tonanti dove può dire e disdire qualunque sonora bugia con effetti anche esilaranti.
Stavolta ha rifiutato la richiesta di un duello tv con il mite Pierluigi Bersani inventandosi (anche sintatticamente) questa strepitosa risposta: “Le dichiarazioni quotidiane di Bersani nei miei confronti ci hanno fatto perdere la fiducia che si possa arrivare a un interscambio produttivo basato sulla realtà”. Interscambio produttivo? Basato su cosa? Quale fiducia? Noi chi? Piccole chiacchiere per fuggire. Per non trovarsi mai da solo di fronte a troppe cose che lo interrogano senza risposta. La crisi economica e i guadagni delle sue aziende. Il potere di Bertolaso e quello della cricca. Le leggi per salvarsi. Il furore degli aquilani e il servilismo di Innocenzi. L’ossessione contro l’informazione. I tabù svelati da Veronica, Noemi, Patrizia D’Addario. La miseria delle sue festicciole a pagamento. La miseria delle sue barzellette. I 600 mila dollari girati a Mills. I milioni di Frank Agrama. I racconti di Massimo Ciancimino. L’eroe Mangano. L’eroe Dell’Utri. Il nero di Palermo che lo aspetta. Il flop delle prossime elezioni che lo insidia. Il finale di partita quando sarà. Fonte: voglioscendere

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.