Sesso? Le posizioni che aiutano l’orgasmo femminile

Stampa / Print

Ecco le posizioni che aiutano l’orgasmo femminile

Il sesso non dovrebbe mai assomigliare ad una ginnastica. Non bisogna essere dei contorsionisti per raggiungere un grado di piacere più elevato.
Troppe e ripetute torsioni e contorsioni, infatti, possono indurre la donna a sentirsi quasi come un membro asessuato di un circo.

A differenza degli uomini, inoltre, una donna può perdere un orgasmo proprio mentre sta per averlo.

Basta poco e bisogna rifare tutto daccapo.

Come evitare che questa situazione si verifichi?

Ci sono delle posizioni che aiutano a mantenere una forte stimolazione che il nostro corpo percepisce come un’unica cascata di sensazioni ininterrotta:

  • La posizione del missionario:
    missionario

    E’ una pozione banale – per così dire – ma è un’ottima posizione per cominciare.
    Implica un forte contatto visivo e proprio per questo è quasi il modo più naturale di cominciare un rapporto.
    Spesso usando questa posizione gli uomini possono eiaculare velocemente a causa della piacevole ed intensa frizione.
    Se si vuole durare più a lungo e rendere felice anche il partner bisogna cambiare posizione cercandone una che mantenga una buona pressione sul clitoride ma che allo stesso tempo allenti la frizione sul pene.

  • La posizione del ragno:
    posizione del ragno
  • Fisicamente questa posizione è un buon proseguo del rapporto iniziato con la posizione del missionario.
    E’ favorita una penetrazione più profonda, più intensa ed intima della posizione precedente con una minore frizione a carico del pene.

  • Cowgirl girata:

    Anche se meno intima è una posizione fenomenale per la donna. Il fatto che il suo sguardo non incroci quello del partner, perché messa di schiena, ottimizza la stimolazione del famoso punto G, oltre a consentire una maggiore durata dell’erezione maschile dovuta alla frizione poco intensa.

    Qualora lei stesse a disaggio, tornate alla posizione del ragno.

  • Posizione a 4 zampe (volgarmente nota come pecorina):

    E’ la posizione preferita dal “sesso forte”, probabilmente per l’animalesca sensazione di sottomissione e per l’atavica (primitiva) tradizione.

    L’angolatura permette una penetrazione profonda ed adatta alla corretta stimolazione del punto G.

  • A Pancia sotto:
    Pancia sotto

    Meglio se si utilizza un cuscino.
    Lei deve stare a pancia sotto con l’ anca appoggiata su un cuscino in modo tale che il suo bacino formi l’angolo giusto per stimolare al meglio il punto G.

    Ricordati di appoggiare le mani sul letto per evitare di schiacciarla col tuo peso.
    Si gentile e delicato.

  • La posizione del fannullone:

    E’ una posizione che segnala una forte intimità tra i partner.
    Lo sguardo si perde negli occhi dell’amato ed i respiri si fondono in uno solo.
    In questo caso la donna ha il pieno controllo della situazione e sarà libera di gestirla come meglio crede calibrando profondità, frequenza ed intensità della penetrazione.

  • Posizione quasi a cucchiaio:
    Posizione a cucchiaio

    E’ simile alla posizione a cucchiaio (nella quale la donna da le spalle all’uomo) ma un po più ambiziosa.
    E’ il l’intermezzo perfetto al passaggio delle più stravaganti posizioni. Da qui si può fare tutto in poche mosse.

    Se lei è abbastanza elastica da mettere la gamba sulla spalla di lui, la penetrazione sarà più profonda ed intensa.

  • Posizione a sedia:
    Posizione a sedia

    Questa posizione arriva molto dopo le altre.
    Bisogna prima aver gettato quelle che sono le basi.
    Più che una variazione fisica del sesso è una nuova chiave psicologica che coinvolge fiducia e passione.
    La penetrazione sarà molto profonda e si avrà una buona ampiezza di movimento.
    L’uomo può facilmente accarezzare i seni ed il clitoride di lei per condurla più facilmente all’orgasmo.
    Richiede esperienza ed affinità.

Testo consigliato | “She Comes First and He Comes Next”
Immagini | Men’shealth

Fonte: http://www.cosedalmiomondo.com/2008/07/sessole-posizioni-che-aiutano-lorgasmo.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *