VANADIO

Stampa / Print
Descrizione

Il vanadio è presente nella maggior parte dei tessuti del corpo. Questo fatto fa pensare che il vanadio, insieme ad altri elementi come lo zinco che hanno proprietà simili, sia essenziale per il corpo umano. Attualmente l’aspetto più sorprendente del vanadio è che potrebbe essere capace di far regredire il diabete. Ad alcune cavie malate di diabete è stata somministrata una forma di vanadio, chiamata vanadato, che ha fatto regredire la malattia. Il vanadio inibisce la sintesi del colesterolo, fattore che lo rende importante nella prevenzione delle cardiopatie. Le ossa, la cartilagine e i denti hanno bisogno di vanadio per svilupparsi. Il vanadio è necessario anche per il metabolismo cellulare. Ricerche eseguite sugli animali hanno mostrato che il vanadio è importante per il metabolismo del ferro e la crescita dei globuli rossi.

Il vanadio è un altro elemento in traccia vittima dei processi di lavorazione degli alimenti. Nelle cavie carenti di vanadio è stata riscontrata una minore capacità riproduttiva e una maggiore mortalità infantile. Sembra che queste difficoltà siano ereditarie e si trasmettano per tre o quattro generazioni. La carenza può essere legata a malattie renali. L’intossicazione da vanadio è stata associata a sindromi maniaco-depressive. Per la disintossicazione sono state usate grandi dosi di vitamina C.
Se ne trovano grandi quantità nei grassi e negli oli vegetali. Gli altri alimenti ricchi di questo minerale sono i cereali integrali, i frutti di mare, gli oli vegetali e l’olio di oliva, l’aneto, i ravanelli e il fegato.

Assimilazione ed immagazzinamento

Il vanadio viene usato rapidamente dall’organismo e la maggior parte viene eliminata attraverso le urine. Le ossa e il fegato sono i principali punti di riserva. Il tabacco diminuisce l’assorbimento del vanadio.

Dosaggio e tossicità

Il fabbisogno di vanadio è stato calcolato dai 100 ai 300 microgrammi (o 0,1 a 0,3 mg) giornalieri per gli adulti. L’assunzione media giornaliera con l’alimentazione è di circa 4 mg. Dosi superiori possono essere tossiche. L’assunzione contemporanea di cromo e vanadio può dare effetti negativi.

Effetti da carenza e sintomi

Ricerche eseguite sugli animali hanno mostrato che la carenza di vanadio causa una minore frequenza riproduttiva e aumenta la mortalità infantile.

Effetti benefici nelle malattie

Quantità adeguate di vanadio possono diminuire il colesterolo del siero. Ricerche eseguite su animali hanno mostrato che il vanadio è importante per la crescita.

IL VANADIO PUO’ ESSERE EFFICACE NELLA CURA DELLE SEGUENTI MALATTIE:

OrganiMalattie
Sangue/Apparato circolatorioAlto livello di colesterolo
Aterosclerosi
GeneraleCrescita

Non si intende far utilizzare le nozioni contenute in queste pagine per scopi diagnostici o prescrittivi.
Per qualsiasi trattamento o diagnosi di malattia, rivolgetevi ad un medico competente.

Le informazioni sono tratte da “Almanacco della Nutrizione”
di Gayla J. Kirschmann e John D. Kirshmann
edito da
Alfa Omega Editrice

Fonte: http://www.laleva.cc/almanacco/vanadio.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *