Rimedi casalinghi per le punture di insetto

Stampa / Print

Vediamo alcuni rimedi casalinghi, alcuni molto particolari, per curare le fastidiose punture di zanzare e di altri insetti. In caso di reazioni allergiche importanti, consultare il medico. Per le punture di grossi insetti, estrarre l’eventuale pungiglione e disinfettare bene la parte colpita.

zanzara.jpg

Ghiaccio – applicarlo immediatamente e prima di ogni altra cosa, soprattutto nel caso di punture di grossi insetti, come api e vespe. Non prima di aver tolto il pungiglione dalla pelle. Aceto di mele – riduce l’infiammazione e il gonfiore. Applicare una pezza o del cotone precedentemente immersi nell’aceto. Limone – compresse di succo puro sulla parte affetta. Agisce velocemente, riducendo l’infiammazione, il dolore e il prurito. Papaya – se ne avete una a portata di mano, tagliatene una fettina e applicatela sulla puntura. La papaia contiene alcuni enzimi che neutralizzano il veleno degli insetti. Bicarbonato di Soda – un cucchiaino sciolto in un bicchiere di acqua e poi come compressa per 20 minuti. Cipolla – tagliarla e strofinarla sulla puntura. Gli enzimi della cipolla hanno certo potere antinfiammatorio. Oppure, tagliarne una fettina e applicarla con un bendaggio di garza per tenerla ferma. Aglio – stesso impiego della cipolla. Tè – una bustina precedentemente immersa in acqua calda o tiepida e fatta poi raffreddare. Applicare come un impacco. Basilico – masticare qualche foglia e appliacare la poltiglia sulla puntura. Oppure, pestarle per fare uscire il succo e pi applicare. Banana – utilizzare la buccia. Applicare la parte interna sulla parte affetta. Olio di oliva – mescolato in parti uguali con aceto di mele. Zucchero – umettatare il dito con dell’acqua, immergerlo nello zucchero e poi massaggiare la parte affetta. Oli essenziali – funzionano bene la lavanda, il tea tree oil, la menta piperita. Una o due gocce pure e poi massaggiare. Dentifricio – in mancanza di altro, un buon dentifricio alla menta può aiutare. Sapone – strofinare la saponetta asciutta sulla puntura. Deodorante – anche alcuni deodoranti per ascelle funzionano bene se applicati subito dopo la puntura. Argilla – stemperare dell’argilla verde ventilata con un po’ di acqua fredda. Applicare e rinnovare quando diventa asciutta e calda. Tabacco di sigaretta – aprire per lungo una sigaretta e raccogliere il tabacco. Inumidirlo e applicarlo come un impacco. Urine – …usare le proprie! Come impacco sulla puntura.

Pare che mangiare molte cipolle e aglio tenga lontano le zanzare…, purtroppo non solo quelle. Anche una alimentazione ricca di vitamina B1 (tiamina) sembra riduca la possibilità di essere punti. La B1 conferisce alla perspirazione della pelle un odore non gradito ai fastidiosi insetti. Buone fonti di B1 sono cereali integrali, frattaglie e lievito di birra.

Fonte: http://www.dottorperuginibilli.it/index.php/-archivio-ricette-/198

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *