Stampa / Print

Živkov, Todor Christov (Pravets, Sofia 1911 – Sofia 1998), uomo politico bulgaro, primo ministro (1962-1971) e presidente (1971-1989) della Bulgaria
Zivkov ha governato la Bulgaria dal 1954 al 1989 e vanta un curriculum di dittatore di tutto rispetto: in Bulgaria i campi di concentramento per gli oppositori o gli elementi “asociali”, altrove chiusi già alla fine degli anni ’50, sono stati in funzione fino a tutto il 1965; Zivkov è stato inoltre tra i più accesi fautori dell’intervento militare in Cecoslovacchia nel 1968; infine, negli anni ’80, il leader comunista bulgaro, di fronte alla crisi economica e politica del paese, non ha esitato a lanciare una campagna di “bulgarizzazione” forzata della minoranza turca (il 10% della popolazione) che ha portato all’uccisione di MOLTI turchi che rivendicavano i loro diritti. Nonostante questo, i governi “democratici” succedutisi negli ultimi nove anni non hanno trovato di meglio che incriminarlo per appropriazione indebita e Zivkov ed è stato costretto agli arresti domiciliari fino al settembre del 1996. Il suo ritorno in politica nel Partito Socialista è avvenuto nel 1997; la SDS, formazione di destra, di fronte alla protesta sociale montante ha chiamato a raccolta i suoi sostenitori con lo spettro del ritorno della dittatura “comunista”. Zivkov è morto a Sofia nel 1998.
(fonti: “Kontinent”, “Nova Makedonija”)

Fonte: http://www.dittatori.it/zivkov.htm

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.