Stranezze nell’aggressione di Susanna Maiolo al Papa

Stampa / Print

Papa Ratzinger Susanna Maiolo Diavolo Satana Lucifero
L’aggressione al Papa è frutto del clima di odio che si è venuto a creare nella reggenza spirituale del pianeta.

Il Diavolo non ha mai fatto un’opposizione corretta ed equilibrata, forse perché lui stesso viene eccessivamente demonizzato. Troppe le accuse rivolte al pontefice, dalle assoluzioni ad personam all’emanazione del dogma dell’infallibilità del magistero del Papa (ribattezzato Lodo Ratzinger), alle connivenze con le sette sataniche, emerse grazie alle confessioni di alcuni officianti addetti ai sacrifici umani.

Dio ha lanciato un monito affinchè tutti gli organi religiosi abbassino i toni dello scontro.

Il risultato politico dello sconsiderato gesto di Susanna Maiolo è stato un’impennata nelle conversioni al cristianesimo, mentre il Papa ha colto l’occasione per invitare frange sempre più estese di diavoletti e satanassi moderati, i cosiddetti Demoni Democratici, a isolare Lucifero e sedersi così al tavolo del Concilio Vaticano.

Nel frattempo, su Facebook impazzano le pagine e i gruppi dedicati all’aggressore: circa una quarantina. Si va dal personaggio pubblico Susanna Maiolo, che raccoglie 868 sostenitori, al Susanna Maiolo fans club, con ben 919 fan. Poco importa se, come pochi illuminati fanno notare, i gruppi, le chiese e le intere comunità che inneggiano alla violenza fisica nei confronti di Satana siano diffusi praticamente ovunque senza che nessuno abbia mai detto niente: certe aggregazioni spontanee, favorite dal social network – ha dichiarato il portavoce del Papa – ricordano le persecuzioni ai primi cristiani, costretti a nascondersi nelle catacombe.

Gli psicologi e gli psichiatri intanto, dalle panchine del parco dove trascorrono i loro giorni senza ricevere una sola telefonata, si chiedono cosa si sono laureati a fare.

Fonte: http://www.byoblu.com/post/2009/12/26/Stranezze-nellaggressione-di-Susanna-Maiolo-al-Papa.aspx

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *