TODOR ZIVKOV

Stampa / Print

Živkov, Todor Christov (Pravets, Sofia 1911 – Sofia 1998), uomo politico bulgaro, primo ministro (1962-1971) e presidente (1971-1989) della Bulgaria
Zivkov ha governato la Bulgaria dal 1954 al 1989 e vanta un curriculum di dittatore di tutto rispetto: in Bulgaria i campi di concentramento per gli oppositori o gli elementi “asociali”, altrove chiusi già alla fine degli anni ’50, sono stati in funzione fino a tutto il 1965; Zivkov è stato inoltre tra i più accesi fautori dell’intervento militare in Cecoslovacchia nel 1968; infine, negli anni ’80, il leader comunista bulgaro, di fronte alla crisi economica e politica del paese, non ha esitato a lanciare una campagna di “bulgarizzazione” forzata della minoranza turca (il 10% della popolazione) che ha portato all’uccisione di MOLTI turchi che rivendicavano i loro diritti. Nonostante questo, i governi “democratici” succedutisi negli ultimi nove anni non hanno trovato di meglio che incriminarlo per appropriazione indebita e Zivkov ed è stato costretto agli arresti domiciliari fino al settembre del 1996. Il suo ritorno in politica nel Partito Socialista è avvenuto nel 1997; la SDS, formazione di destra, di fronte alla protesta sociale montante ha chiamato a raccolta i suoi sostenitori con lo spettro del ritorno della dittatura “comunista”. Zivkov è morto a Sofia nel 1998.
(fonti: “Kontinent”, “Nova Makedonija”)

Fonte: http://www.dittatori.it/zivkov.htm

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *