ENZIMI

Stampa / Print
Gli enzimi sono essenziali in quanto consentono di digerire ciò che mangiamo, scindono i grossi frammenti di cibo in frammenti più piccoli, le PROTEINE vengono scisse in AMINOACIDI, i CARBOIDRATI COMPLESSI in ZUCCHERI SEMPLICI, i GRASSI in ACIDI GRASSI e GLICEROLO, ogni giorno si riversano nel tratto digerente dieci litri di succhi gastrici prodotti prevalentemente dal PANCREAS, dal FEGATO, dallo STOMACO e dalla PARETE INTESTINALE. Per produrre gli enzimi, l’organismo ha bisogno di nutrienti, se i nutrienti sono carenti saranno carenti anche gli enzimi e non si sarà in grado di assimilare le sostanze fondamentali per la vita del nostro organismo. Lo ZINCO è necessario per la produzione di acido gastrico e per produrre gli enzimi che scindono le proteine, le proteasi Se lo zinco è carente si crea un accumulo di cibo non digerito e questa è la base di parecchie allergie alimentari. Spesso se si soffre di allergia si soffre anche di indigestione, meteorismo, flautolenza, colite, sindrome del colon irritabile, morbo di Chrohn, candidosi Gli enzimi si trovano in tutte le piante e in tutti gli animali, senza di loro la vita sarebbe impossibile, anche se si è in presenza di una quantità sufficiente di vitamine e di minerali, acqua e proteine. Ogni enzima ha una sua specifica funzione che può essere assolta solo da quel tipo di enzima, si attiva e può dare il via ad una reazione solo in presenza di derminate sostanze. La sostanza che si altera in presenza di un enzima si chiama substrato. Gli enzimi afferrano, tengono e legano il substrato con altre molecole incrementando la sua capacità di reazione con queste sostanze. La maggior parte delle reazioni cellulari viene catalizzata ( iniziata) da queste proteine essenziali, e i suoi componenti minerali provocano la reazione. Gli enzimi sono distrutti dal freddo e dal calore e per questo è bene mangiare alimenti crudi. Solo gli enzimi possono fornire al corpo l’energia necessaria per svolgere le sue funzioni, una carenza espone al rischio di tumori, obesità, problemi cardiovascolari. A pasto mangiare alimenti sia crudi che cotti.
Gli enzimi aiutano tutte le funzioni dell’organismo, sono essenziali per la costruzione cellulare di tutti i tessuti del nostro corpo ( cellule nervose, ossa, pelle, tessuto ghiandolare) Ad esempio un enzima cattura il fosforo contenuto in un alimento e lo trasforma in ossa. Gli enzimi aiutano anche l’eliminazione delle tossine, dagli organi emuntori : il colon, la pelle, i polmoni, il fegato, i reni. Le tossine dei polmoni ovvero l’anidride carbonica, viene espulsa grazie all’azione di un enzima specifico. Gli enzimi sono delle proteine vitali al nostro corpo, proteggono dall’ossidazione cellulare e aiutano la eliminazione dei residui tossici dannosi ENZIMI REPERIBILI : Amilasi, Proteasi, Lipasi
Gli enzimi principali sono:
la AMILASI, che digerisce i CARBOIDRATI
la PROTEASI, che scinde le PROTEINE
a LIPASI che scinde i GRASSI.
L’organismo produce circa 5 milioni di unità di enzimi SOD superossido dismutasi. L’SOD si trova nei cavolini di di Bruxelles, nel cavolo, e nella maggior parte delle piante verdi. ALIMENTI RICCHI DI ENZIMI
Cavoli, Avocado, banane, manghi, cavoli
Gli ALIMENTI CRUDI, contengono una grande parte di enzimi che la cottura tende a distruggere, non vengono intaccati dall’acidità dei succhi gastrici e restano attivi a lungo nel tratto digerente e riducono nel colon la putrefazione dei cibi, ed i più aiutano la formazione dei batteri benefici che formano l’acido lattico. Gli inibitori di questi enzimi sono le lenticchie, i ceci i fagioli, questo fattore antienzimatico viene distrutto facendo germogliare i legumi o cuocendoli, le mele, l’uva il mango, contengono anche enzimi attivi contro i radicali liberi Quindi è bene consumare MELE, BANANE, CAVOLO, UOVA crude, MIELE GREZZO, FAGIOLI, LATTE INTERO, FUNGHI, ANANAS, RISO, SOIA, MAIS DOLCE, PATATE DOLCI, FRUMENTO.Mangiando frutta e verdure fresche assumiamo un cocktail di vitamine e minerali, aminoacidi, antiossidanti, enzimi, fitoderivati che favoriscono la nostra salute.
CONSIGLI
Mangiare almeno 3 frutti al giorni, mangiare una volta al giorno un piatto di insalata, consumare spesso, patate dolci, broccoli, crescione, piselli, carote, bacche, consumare alimenti di colorazione diversa, mangiare alimenti integrali e non raffinati, mangiare alimenti crudi, cuocere i cibi al vapore e friggere il meno possibile, mangiare cibi freschi, integrare la dieta con vitamine, minerali, e fitoderivati ATTIVITA’ DEGLI ENZIMI
Gli enzimi attivano il sistema immunitario. Il nostro metabolismo è sostenuto dall’attività degli enzimi, l’utilizzazione dei minerali e delle vitamine dipende dagli enzimi, sono essenziali nelle fasi di malattia, di infezioni virali, di febbri, è necessario quindi mantenere sempre costante il livello degli enzimi. Aiutano a sopprimere il desiderio eccessivo di cibo. Gli enzimi sono essenziali nel processo digestivo. Gli enzimi presenti in certi funghi, in alimenti come grano, crusca o soia producono AMILASI, Lipasi, e Cellulasi, e gli enzimi vegetali sembra siano più attivi di quelli animali e svolgono importanti lavori di predigestione del cibo.
ENZIMI DAL FUNGO ASPERGYLLUS
Sono attivi ad una temperatura simile al corpo umano, scompongono proteine, grassi e fibre, consentono anche di scomporre zucchero, latticini, e favoriscono l’assimilazione dei minerali contenuti nei vegetali. Contiene Amilasi, Proteasi, Glucoamilasi, Lipasi, Cellulasi, Lattasi, endofitati.
AIUTA
Nei problemi legati alla digestione di proteine, lipidi, amidi, e nei dismetabolismi di vitamnine e minerali, nelle allergie e nelle intolleranze alimentari, nel meteorismo, alitosi, stipsi, diarrea. Una alimentazione basata piu su cibi cotti che crudi è comunque poveri di enzimi, causa l’ipertrofia della ghiandola pituitaria, che svolge una azione di regolazione di tutte le altre ghiandole endocrine Stress, caffè, alcol, affezioni virali, gravidanza, eccessivo esercizio fisico, estreme condizioni climatiche, richiedono un rapido consumo di enzimi ( che vegono persi in misura maggiore con la sudorazione, l’urina e le feci) SUPPLEMENTI ENZIMATICI BETAINA
La Betaina, è presente nelle Barbabietole da Zucchero, questo integratore alimentare può aiutare i processi di recupero nelle affezioni degenerative come il Cancro, svolge un ruolo importante nel processo di detossificazione dell’Omocisteina (potente ossidante e generatore di radicali liberi) in Metionina. è utile sia nella prevenzione sia nel trattamento di diversi disordini metabolici inclusi quelli causati da gravi stati di deficit organico, come nel paziente neoplastico. Se si somministrano adeguate quantità di Vitamina B6 (es: Germe di Grano), molta dell’Omocisteina prodotta viene convertita in Cistatione, un importante antiossidante naturale.
La glicina betaina permette di ridurre gli effetti nefasti degli stress idrici o termici.
E’ dimostrato che la glicina betaina è una efficace molecola anti-stress BROMELAINA bromelaina naturale dall’ananas
si ricava dal gambo dell’ananas. Facilita la digestioone ed aiuta nel gonfiore intestinale LACTASI , enzima lactasi
il Lattosio è lo zucchero presente nel latte: è un disaccaride, risultante dall’unione di 2 zuccheri semplici, il Galattosio ed il Glucosio. Il Lattosio viene scomposto nei 2 zuccheri semplici dall’enzima lattas o Lactasi. Senza questo enzima il Lattosio non può venire scomposto e quindi digerito]L’intolleranza al Lattosio è l’incapacità presente in alcuni individui di digerire lo zucchero del latte, il Lattosio appunto, con conseguenti sintomi gastrointestinali quali flatulenza, meteorismo, crampi e diarrea. Complessivamente, circa il 75% della popolazione mondiale, perde l’attività enzimatica della lattasi dopo lo svezzamento Non c’ è ragione per la quale gli individui intolleranti al Lattosio debbano sforzarsi di bere latte. In realtà il latte e i latticini non offrono alcun nutriente che non possa essere trovato in forma più salutare in altri cibi. Sorprendentemente, bere latte non sembra nemmeno prevenire l’Osteoporosi ENZIMI DIGESTIVI ENZIMI DI PAPAIA

Fonte: http://www.erboristeriaedaltro.com/SUPPLEMENT%20ENZIMI.htm

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *