SE IL GIAPPONE GODE L’AMERICA RALLENTA. E L’EUROPA?

Stampa / Print
Il rialzo del mercato Giapponese (11% in una settimana) è dovuto a:
1) nei mesi precedenti era stato il mercato più debole
2) Il governo Giapponese ha iniettato 115 miliardi di dollari nel sistema
3) Aumentando i debiti, la valuta Giapponese (che nei mesi precedenti era stata abbandonata dagli operatori in Carry trades) perde nuovamente di valore.
4) la perdita di valore dello Yen favorisce chi esporta (ma sfavorisce al contempo le imprese americane ed Europee)

CONSIDERAZIONI:

1) Da mesi stiamo assistendo a un fenomeno ben chiaro: SVALUTAZIONE COMPETITIVA DELLE MONETE
2) La svalutazione avviene tramite l’immissione di moneta (senza che vi sia del valore come sottostante)
3) Questo fa ridurre il valore di quella moneta verso le altre
4) inoltre crea inflazione (da importazione di beni più cari) che è un bene per l’economia in deflazione
5) crea la corsa verso i beni rifugio (ORO, materie prime) e verso alcune asset class: Azioni e immobili (questi ultimi in particolare nei paesi in crescita, per i paesi occidentali evita un ulteriore discesa)
6) I debiti degli stati continuano ad aumentare (pur in presenza di bassi tassi d’interesse, in quanto le banche stesse sono obbligate a comprare obbligazioni dello stato)
7) il 2010 potrebbe portare alla luce il RISCHIO emittente. I paesi deboli potrebbero dover pagare molto di più per finanziare il debito pubblico.

Italia, Grecia, Irlanda, Spagna potrebbero essere i più colpiti, grazie a un debito pubblico mostruoso. Anche Giappone e Inghilterra dovrebbero avere dei bei problemi.

IL BRASILE DOVREBBE ESSERE SEMPRE UNO DEI PAESI CON I PROBLEMI MINORI!
Ieri il Bovenspa ha toccato i 69.000 punti. Occhio ala formazione di un doppio massimo dell’anno!
Ricordo che l’indice brasiliano toccò il suo massimo assoluto a maggio 2008 oltre i 72.000.
Pensate, è come se il mercato italiano ieri avesse chiuso a 42.000. e invece….

Fonte: http://ilpunto-borsainvestimenti.blogspot.com/2009/12/se-il-giappone-gode-lamerica-rallenta-e.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *