Stampa / Print


IL DEFICIT DEL TESORO AMERICANO HA RAGGIUNTO LO SCORSO MESE LA CIFRA DI 176 MILIARDI DI DOLLARI
(312 miliardi di uscite contro solo 135 miliardi di entrate).
Il consenso si aggirava a 165 miliardi (e la differenza non è poca….).

Ma ecco la chicca….

Il debito degli USA aumenta a dismisura. Il rischio di default quindi aumenta. Ma CONTRO OGNI REGOLA ECONOMICA INTELLIGENTE…. I tassi d’interesse che vengono riconosciuti ai detentori di debito americano SONO VICINI ALLO ZERO.

Quindi…il totale d’interessi pagati sui titoli del debito pubblico americano a ottobre 2009 è stato pari a soli 17,93 miliardi, ovvero, ben 1 miliardo in meno di quanto pagato un anno prima.

Domanda:

MA CHE COSA ACCADRA’ QUANDO I TASSI SALIRANNO IN ASSENZA DI UNA RIPRESA ECONOMICA ROBUSTA?

Semplice: UN DISASTRO!

PRINCIPALI USCITE :

DIFESA 70 MILIARDI
PENSIONI 57 MILIARDI
SANITA’ 52 MILIARDI

———————–

Vorrei poi ricordare che si sta allargando a dismisura il deficit dei singoli stati americani.
Una voragina che potrebbe condurre l’america alla dichiarazione di default o a una profonda recessione (data da pesanti tagli di spesa) , o alla continuazione di una suicida politica quantitativa che porterebbe a una iperinflazione. Comunque vada sarà un insuccesso e i mercati stanno già scontando le più ottimistiche previsioni

———————-

Ieri le scorte di benzina e petrolio in america sono salite inaspettatamente segno che l’economia non sta ripartendo! Il crollo della richiesta di energia è un evidente segnale che la corporate america sta spegnando le macchine nuovamente.

———————

Se poi pensate che SAN OBAMA vuol aumentare le spese sanitarie….

———————

E NON DITE CHE LA CINA SOLLEVERA’ IL MONDO….GUARDATE QUESTO VIDEO….
Soldi dello stato per costruire una città fantasma…..ORDOS (altro che 8% di crescita reale….sono fantasie)

——————-

INFLUENZA MAIALA

Aumentano le vittime mantre i vaccini sono rifiutati da un numero sempre maggiore di persone. Fra poco si comincera’ a fare i conti del costo economico di questa pandemia ….miliardi e miliardi di dollari…
Il debito aumenterà…..mentre il Pil subira’ una pesante battuta d’arresto il tutto allegramente

—————–

SPECIALE BRASILE

L’economia Brasiliana dovrebbe crescere del 9% in questo trimestre
SINGAPORE (AP) – A top trade official says Brazil’s economy, the world’s fifth largest, will likely grow about 9 percent in the fourth quarter as consumer demand surges and exports recover.
Deputy Trade Minister Welber Barral told reporters on the sidelines of a yearly Latin American business conference in Singapore: “The domestic market is really growing now. The consumer is really spending and that has sustained our overall growth.”Exports, which will likely fall 22 percent this year, have shown signs of life recently, with a 20 percent increase in sales to the United States last month, Barral said.
He added that gross domestic product in the Latin America’s biggest economy is poised to expand 5 percent next year after growth between 1 percent and 1.5 percent this year
Credo che questo dato sia drogato dalla speranza di crescita americana. Tuttavia le recenti azioni di politica economica di Lula sono molto importanti per il futuro dell’economia in Brasile.
Abbiamo capito che Lula vuole spingere al massimo verso la RIDUZIONE DI ESPORTAZIONI DI MATERIE PRIME E PRODOTTI AGRICOLI NON LAVORATI, e l’aumento della produzione interna e la lavorazione delle materie prime con un conseguente aumento enorme di valore per il Brasile.
Sono in ballo centinaia di miliardi di dollari di possibile creazione di valore in pochi anni. Se Lula riesce nel suo obiettivo….la valuta brasiliana diverrà in pochi anni valuta di riferimento.
Affinchè Lula riesca nel suo intento, nei prossimi mesi cercherà di raffreddare la speculazione finanziaria sulla valuta (Il brasile non può permettersi una rivalutazione troppo rapida) e di spingere sull’acceleratore degli investimenti nella creazioe di aziende capaci di lavorare le materie prime.

Fonte: http://ilpunto-borsainvestimenti.blogspot.com/

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.