Stampa / Print

Come è possibile che vengano varate leggi contro ogni logica mentre molti governanti giurano e spergiurano di non aver contribuito con il loro voto affinché venissero legiferate?

Come è possibile che tutti i parlamentari nonostante l’enorme mole di lavoro che continuano a lamentarsi di avere riescano a fare un secondo lavoro impegnativo come l’avvocato, l’imprenditore o il dirigente d’azienda?

Come è possibile che nonostante tutti gli impegni istituzionali e professionali in molti trovino il tempo anche per danneggiare la loro immagine pubblica con droga e sesso?

Ma sopratutto come riescono, nonostante tutto, a scrivere una media di un libro ogni starnuto?

La risposta è tanto banale quanto semplice: grazie all’assenteismo.

A vedere la classifica dei parlamentari assenteisti viene spontaneo pensare a Brunetta quando si infuocò dando dei fannulloni a lavoratori che in ogni modo sono quotidianamente presenti sul posto di lavoro perché hanno l’assoluta necessità di percepire uno stipendio mensile comunque inferiore all’indennità quotidiana che viene elargita a dei parlamentari lavativi.

Per provare a fare una stima quanto più realistica possibile della presenza dei politici sul posto di lavoro prenderemo come indicatore la percentuale di votazioni elettroniche a cui hanno preso parte.

In Senato, a fronte di 2.286 votazioni elettroniche, non hanno MAI esercitato diritto al voto Rita Levi Montalcini, Sergio Pininfarina e Oscar Luigi Scalfaro … ma loro probabilmente possono accampare la scusa che totalizzano 274 anni in tre (largo ai giovani che vogliono e che devono lavorare no, è?). Una volta almeno Francesco Cossiga, 81 anni passati tra spie e servizi segreti deviati, è riuscito a votare e il senatore Giulio Andreotti, 90 anni, è stato attivo ben il 12,2% delle votazioni.

Anche in parlamento si svelano molti arcani, Nicolò Ghedini, molto indaffarato nelle vesti di avvocato, come parlamentare lascia molto a desiderare con solo il 26% di presenze, D’Alema ha dato il suo contributo il 30% delle volte, Bersani e Di Pietro circa il 32% delle volte.

Non c’è dunque da stupirsi se i più presenti, i Leghisti, riescano ad inanellare un provvedimento demenziale dietro l’altro.

Fonte: http://susannaambivero.blogspot.com/

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.