Stampa / Print
ImageLa Francia è diventata oggi il primo Paese al mondo ad aver aperto al pubblico il suo archivio ufficiale che documenta gli avvistamenti di UFO. Lo ha annunciato il direttore del Gruppo di studio e d’informazione sui fenomeni aerospaziali non identificati presso il Centro nazionale per gli studi spaziali (Cnes) di Parigi. «Si tratta di una prima mondiale», ha commentato Patenet. «E’ vero che negli Stati Uniti si possono chiedere delle informazioni, ma soltanto sulla base di un singolo caso – ha spiegato Patenet – Noi abbiamo fatto l’esatto contrario: abbiamo messo tutte le informazioni a completa disposizione del pubblico». Oltre 400 dossier che documentano altrettanti casi d’avvistamenti di oggetti volanti non identificati possono essere consultati su un’apposita sezione del sito web del Cnes. Al momento si tratta di un quarto dei circa 1.600 casi di osservazioni di UFO segnalati in Francia dall’inizio degli anni ’50 ad oggi. Tutti i dossier saranno regolarmente online entro la fine dell’anno, ha assicurato il responsabile del Cnes. «Stiamo lavorando sulla base del principio che non vi è nulla che non possiamo pubblicare online, salvo una sola eccezione: quella di proteggere, in alcuni casi, la privacy personale», ha spiegato Patenet. I dossier francesi contengono i verbali della polizia, stesi sulla base di testimonianze, con i dati personali – che potrebbero aiutare a identificare i testimoni – oscurati da omissis. Jacques Arnould, funzionario del Cnes, ha aggiunto che sono state raccolti documenti e dichiarazioni da quasi 30 anni per archiviarli e studiarli. «Spesso sono stati fatti alle gendarmerie, che forniscono una dichiarazione ufficiale di testimonianza, e alcuni arrivano da piloti di aerei». L’archivio consiste in circa 6.000 rapporti, molti legati allo stesso fatto, realizzati dal pubblico e da professionisti delle linee aeree. Fonti: Reuters adnkronos

Fonte: http://www.cospirazione.net/index.php?option=com_content&task=view&id=263&Itemid=40

About the author

Related Post

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.