Stampa / Print
Fonte: Martí-Carvajal AJ, Solà I, Lathyris D, Salanti G. Homocysteine lowering interventions for preventing cardiovascular events. Cochrane Database of Systematic Reviews 2009, Issue 4. Art. No.: CD006612. DOI: 10.1002/14651858.CD006612.pub2La vitamine del gruppo B, in particolare la vitamina B12, la B9 (acido folico) e la vitamina B6, influenzano i livelli di omocisteina nel sangue. Alti livelli di questo amminoacido sono associati all’incremento del rischio di malattie cardiache. I supplementi di vitamina B regolando i livelli di omocisteina ridurrebbero il rischio di malattie cardiovascolari e di morte. Tuttavia i ricercatori del Network Cochrane Iberoamericano hanno condotto una revisione sistematica che dimostra che questi supplementi non riducono il rischio di sviluppare o morire a causa di malattie cardiovascolari. La revisione include 8 studi che comprendono 24210 persone. Nessuno studio mostra che i supplementi di vitamina B riducano l’incidenza di attacchi cardiaci, ictus o morte associata alle malattie cardiache, rispetto al placebo o ai trattamenti standard. “Anche se non ci sono effetti positivi di questi supplementi vitaminici, questi studi sono importanti per determinare i fattori che influenzano il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari, prima causa di morte nel mondo.” afferma il capo ricercatore, Arturo Martì-Carvajal “Al momento la prescrizione di questi supplementi non può essere giustificata, a meno che nuovi studi, di qualità maggiore, non forniscano prove più forti. Sono tuttora in corso 3 studi che potrebbero confermare o mettere in discussione questi risultati”.

Fonte: http://www.partecipasalute.it/cms_2/node/1352

About the author

Related Post

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.