Stampa / Print
Roy Virgilio Ed ecco a voi un nuova spettacolare, funzionale e programmata manipolazione dell’informazione.
Su “Il Giornale” di ieri (25 genaio 2006) è presente un articolo che ci fa capire questo: la Fusione Fredda (che ufficialmente è una bufala), all’improvviso esiste, ottiene risultati positivi e in 4 anni si può portare a un livello industrializzato. Wow!! La fine dei nostri problemi? No. L’inizio.
Poiché sembra proprio che l’unico ambito in cui i principi di questa scienza di confine tanto boicottata da “non esistere” invece funzionano, è nella provvidenziale eliminazione delle scorie radioattive delle vecchie centrali nucleari. Già, non serve per PRODURRE energia ma a trasmutare miracolosamente scorie nucleari radioattive, costosissime da stoccare e difendere (visto che NON si può eliminarle), in inerti elementi che magari hanno anche un valore commerciale. Miracolo di una tecnologia inesistente!
D’altronde bisogna pur capirli. A chi interessa distruggere i monopoli energetici per consentire alla gente, tutta, di ottenere energia pulita abbondante, distribuita e a prezzi irrisori? Diciamocelo: a tutti tranne a chi detiene il controllo dei monopoli!
Ma a queste persone ora serve rilanciare il nucleare a fissione, tecnologia pericolosissima e costosissima che può essere gestita solo da multimiliardari o da governi a cui poi noi poveri bischeri dovremo umilmente chiedere di allacciarci per scaldare le nostre case e accendere il frigorifero. Al prezzo che decideranno loro. E così, il ministero della Difesa Inglese (militari…) scopre che scienziati Italiani e Giapponesi con un filo di energia riescono a trasmutare elementi in altri elementi cosa che potrebbe tornare molto utile per eliminare le scottanti scorie radioattive con una spesa migliaia di volte inferiore a quella odierna.
Così con fondi pari a quattro lire e in quattro anni di lavoro potremo avere la nostra fornace ammazza radiazioni che salverà il nucleare portandolo da fonte di energia costosa e mal vista a fonte di energia più economica e un po’ meno mal vista. Che culo che ha l’umanità! Ma le domande sorgono spontanee:
1) Perché, guarda caso, le possibilità della fusione fredda sono limitate a questa strana branca quasi mai sentita prima invece che nella produzione di energia come è stato dichiarato dall’inizio? Forse perché fa comodo a qualcuno?
2) Perché i risultati positivi di questi laboratori italo-giapponese sono presi sul serio, finanziati e seguiti quando i risultati positivi già del 2003, dell’ENEA (ente statale!!) sotto la direzione del premio Nobel Rubbia che dimostrarono eccessi di energia e la natura nucleare del fenomeno sono stati invece apertamente boicottati tagliando istantaneamente i fondi e relegando al silenzio stampa più assoluto questi risultati? Forse davano fastidio a qualcuno?
3) Con gli stessi soldi e tempi con cui si vuole ottenere l’eliminazione delle scorie radioattive è possibile, a detta dei principali scienziati che lavorano alla FF quali il Prof. Emilio del Giudice dell’INFN di Milano, ingegnerizzare sistemi in grado di produrre energia tali da eliminare il problema energetico nel mondo: non sarebbe prioritario e molto più sensato completare questi studi e lavori in modo da rendere INUTILI le comunque pericolose centrali nucleari e porre fine all’utilizzo dei fossili invece che approfondire uno spigolino secondario del fenomeno? Forse è troppa la paura di creare un mondo con meno guerre, con meno fame e tanta abbondanza energetica? Attenzione gente, la demagogia e la disinformazione regnano sovrane in questo periodo: cercate di trovare la luce dietro la folta nebbia che ci circonda. Roy Virgilio Link importanti:
http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=59795 il link all’articolo “incriminato”
http://www.progettomeg.it/ffreddadelgiudice.htm Intervista di maggio 2005 al Prof. Emilio Del Giudice
http://www.progettomeg.it/FFredda.htm esperimenti italiani molto simili a quelli del gruppo di Celani che ottengono dimostrati eccessi di energia e trasmutazione nucleare.

Fonte: http://www.disinformazione.it/fusione.htm

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.