Stampa / Print

[De Volkskrant] Potenza – Il prossimo dicembre il pretendente alla corona italiana Vittorio Emanuele di Savoia dovrà rispondere di fronte al giudice di associazione a delinquere. La magistratura della città meridionale di Potenza accusa il figlio dell’ultimo re d’Italia di aver corrotto funzionari dello Stato. Ciò ha fatto sapere l’agenzia stampa italiana ANSA mercoledì sera. Il duca di Savoia aveva già trascorso nel 2006 alcuni giorni agli arresti cautelari per un caso poi denominato in Italia “Savoiagate”, un caso intricato che si trascina da anni e che riguarda corruzione, prostituzione e minacce. Vittorio Emanuele di Savoia è il figlio di Umberto II, l’ultimo re d’Italia che nel 1946 andò in esilio in Portogallo dopo un referendum e la proclamazione della Repubblica Italiana. I monarchici in Italia lo considerano come re Vittorio Emanuele IV. [Articolo originale “Italiaanse kroonpretendent aangeklaagd” di corrispondente]Fonte: http://italiadallestero.info/archives/7841

About the author

Related Post

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.