Stampa / Print
“Ci considerano uno strumento”. Già. Loro con le donne ci sanno fare. “Lei è più bella che intelligente” (Silvio Berlusconi). “Sei una zitella petulante” (Roberto Castelli). Assortimento di insulti in una solita serata di “Porta a Porta”. E lei, Rosy Bindi, si sveglia più donna e brillante che mai: “Sono felice perché mi sono difesa con orgoglio e sono preoccupata per gli italiani: prima si corrompeva con il denaro, adesso si utilizzano le belle fanciulle. È inaccettabile”.

Nessuna rettifica, nessun “mi avete frainteso” e neppure un mazzo di fiori. Anzi, per scusare il presidente del Consiglio, il sottosegretario Paolo Bonaiuti ha combinato un altro pasticcio. Una gaffe degna del capo: “Questi sono momenti di estrema concitazione, sono cose che possono succedere”. Il Pd si ricompone per esprimere solidarietà alla Bindi. Le donne sono le più sensibili e le più leste a dettare alle agenzie: Barbara Pollastrini, Marina Sereni, Anna Finocchiaro. Giovanna Melandri prova con l’ironia: “Il presidente è più alto che educato”. Anche gli uomini sono compatti, vicini e affettuosi con la Rosy sfregiata. Il capogruppo Antonello Soro chiosa per i colleghi: “Rozzo e incivile”. Finalmente, ecco il Pd che insorge.

Bindi, ma lei è offesa o no?
“Ringrazio chi ha speso una parola per me e chi voleva e ha replicato l’errore (Bonaiuti? Ndr). Ma cosa potevamo aspettarci da Berlusconi? Non mi scalfisce, non può. Non sono una delle donne a sua disposizione, e dunque mi sono ribellata per arginarlo”.

Non è in vendita. “Mai. Il messaggio fa paura, l’idea che entra nelle case e nella testa degli italiani. Le donne non sono oggetti, anche se vogliono usarle al pari del denaro: il mezzo per un fine vergognoso. Che esempio ci mostra il presidente del Consiglio, colui che ha più poteri e visibilità degli altri?”.

Dal video lei sembra quantomeno sorpresa.
“Potevo immaginare la tensione di Berlusconi, aveva passato una brutta giornata… Certo, e questo sia chiaro, ha superato ogni limite di decenza. Donne, reagite!”.

Il premier era nervoso, il telefono bollente, l’eloquio fluente:
“Non sapevamo dell’intervento. Il fatto curioso è questo: stavamo registrando, eravamo in differita di poche ore. Qualcuno dallo studio l’avrà avvertito”.

Gli avranno consigliato: “Presidente, qui c’è la Bindi che resiste”.
“Una volta al Quirinale, il giorno seguente un’altra trasmissione, Berlusconi mi disse che voleva chiamare perché i suoi non si stavano comportando bene, non neutralizzavano le mie accuse”.

Nel salotto di Bruno Vespa c’erano alti ufficiali di governo e Pdl…
“Erano in difficoltà. Davanti alla verità sono tutti in difficoltà. Se poi agli spettatori arriva l’unica versione del premier diventa difficile capire chi sta nel giusto e chi sbaglia. Non è servizio pubblico”.

Cosa ha imparato dall’ultima violenza verbale del premier?
“Che non possiamo permetterci che Berlusconi sproloqui contro il Presidente della Repubblica e la Corte Costituzionale e senza contradditorio, senza moderatori”.

E Vespa cosa faceva, moderava, contraddiceva?
“Beh, ripeteva spesso “si rende conto”. Era fermo”.

E prudente.
“Non ha sbagliato. Ma abbiamo bisogno di tanti giornalisti imparziali”.

Siamo al pensiero unico.
“Unico e sbagliato. Pensiamo alle donne adesso, coraggio!”.

Intervista di Carlo Tecce da Il Fatto Quotidiano n°14 del 9 ottobre 2009

L’antefatto video – da Porta a Porta 7 ottobre 2009 –

Fonte: http://antefatto.ilcannocchiale.it/glamware/blogs/blog.aspx?id_blog=96578

About the author

Related Post

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.