Stampa / Print


Tasso d’usura e minaccia di chiudere il conto. Ecco cosa offre la Citigroup alla clientela.

Citigroup era la banca più potente al mondo solo qualche anno fa….oggi merita di sparire dalla faccia della terra.

Avete letto bene? Citigroup ha raddoppiato i tassi d’interesse debitori. E questo mentre i tassi della FED sono a 0%.

E se capitasse anche a voi! Se Unicredito (ieri -5%) alzasse a dismisura i tassi sui debiti?

Per ora in Italia si parla di moratoria sui mutui per un anno.

Non per facilitare i privati, ovviamente, ma per evitare alle banche di aumentare le già enormi perdite.

Le banche infatti fanno profitto solo perchè non svalutano correttamente l’attivo.

QUINDI DUE IMPORTANTI LEZIONI CI ARRIVANO DA CITIGROUP (ex banca più importante al mondo)

1) Mai indebitarsi con le banche a tassi che non siano BLOCCATI.
2) Se i tassi non sono bloccati, MAI INDEBITARSI SE NON SI PUO’ FACILMENTE RESTITUIRE IL PRESTITO IN CASO DI VELOCE RISALITA DEI TASSI.

PRATICAMENTE CITIGROUP DUE GIORNI FA HA SANCITO LA MORTE DEL CREDITO AL CONSUMO. In Italia NESSUNO dovrebbe più utilizzare tale strumento deleterio.

I consumi NON DEVONO essere finanziati. Il debito deve essere utilizzato solo per investire in Beni durevoli che producono ricchezza (attività reali e produttive, immobili, macchinari, terra ecc ecc).

Questa è la regola del buon padre di famiglia

GUARDATE I DUE GRAFICI E FATEVI DUE DOMANDE SEMPLICI SEMPLICI…..

Domanda nmero 1)
Cosa potrebbe accadere se il credito al consumo dovesse rientrare su valori pari al 4 anni fa?

Se i mercati azionari quotano come 10 anni fa (il dow valeva 10.000 esattamente 10 anni fa) e il credito al consumo è aumentato in questi 10 ani dell’80% ci sarà un motivo o no?
Non vuol forse dire che in america hanno vissuto sopra le loro possibilità? Ebbene, questa situazione deve ribaltarsi. Ci vorranno anni ma accadrà.

Fonte: http://ilpunto-borsainvestimenti.blogspot.com/

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.