A CHE PUNTO È LA CRISI

Stampa / Print
di Barry Eichengreen e Kevin H. O’Rourke 15.09.2009

I nuovi dati sull’andamento dell’economia mondiale mostrano segnali di ripresa della produzione industriale, del commercio e dei mercati azionari. Ma è presto per l’ottimismo perché la crisi resta grave. Come si può vedere dal confronto tra gli indicatori di oggi e quelli del periodo della Grande Depressione. Grafici su produzione mondiale, mercato azionario, scambi globali, produzione industriale di 12 paesi.
Che cosa ci dicono i nuovi dati disponibili?
La produzione industriale globale mostra chiari segnali di ripresa.
È una differenza netta con quanto accaduto nella Grande Depressione, quando il declino della produzione industriale proseguì per tre interi anni. Ma il problema di oggi è: si materializzerà una domanda finale per questa produzione in crescita? Oppure la spesa al consumo, in particolare negli Stati Uniti, rimarrà debole? In questo caso, la maggiore produzione finirebbe in scorte, imponendo alle aziende una successiva riduzione: il risultato sarebbe una recessione a doppio minimo.
Le borse di tutto il mondo hanno registrato una netta ripresa dall’inizio dell’anno. Tuttavia, la perdita di ricchezza sui mercati azionari rimane maggiore, in proporzione, di quanto registrato in una fase della Grande Depressione comparabile a quella attuale.
La spirale negativa dei volumi del commercio mondiale si è ridotta, e l’ultimo mese per il quale sono disponibili dati (giugno) mostra un modesto rialzo. Ma il crollo del commercio mondiale, ancora oggi, resta enorme rispetto a quanto avvenuto nel corso della Grande Depressione.Figura 1 – Produzione industriale mondiale, prima e oggi

Figura 2 – Mercato azionario mondiale, prima e oggi

Figura 3 – Volume degli scambi mondiali, prima e oggi

Figura 4 – Produzione industriale, 4 maggiori stati europei, prima e oggi

Figura 5 – Produzione industriale, 4 paesi non europei, prima e oggi

Figura 6 – Produzione industriale, 4 paesi europei minori, prima e oggi

Fonte: http://www.lavoce.info/articoli/pagina1001274.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *