Stampa / Print

Immagini: i disegni dei progetti di Ighina

Pierluigi Ighina (1908-2004)era un genio che nella sua lunga vita invento’ tutta una serie di strumenti, macchine, dispositivi che avrebbero potuto cambiare il mondo. Dalla scoperta dell’atomo magnetico, individuato con un microscopio atomico di sua invenzione, alla elica per controllare il clima,dal monopolo magnetico agli esperimenti per manipolare la materia e tanti altri utili per preservare la salute,effettuare la fusione di metalli a distanza ,sfruttare una energia rivoluzionaria. Un piccolo Leonardo Da Vinci? Si’, ma solo perche’ era alto un metro e cinquantotto. Ad Imola,dove risiedeva, invento’ ed installo’ anche una valvola antisismica. Fu’ proposta a varie autorita’ che non credettero al suo funzionamento. Ora, visto che è stato dimostrato (anche se non ufficialmente riconosciuto) con dei filmati che Ighina era davvero in grado di gestire le nubi facendo piovere a piacimento,direi che sarebbe il caso, progetti alla mano, di tentare perlomeno la costruzione di questa valvola antisismica.
I disegni che potete vedere a fondo articolo li ho scovati nel sito Twilight Science ,sono firmati Emiro Medda,una persona che ebbe la fortuna di conoscere Pierluigi Ighina e che dopo molte ricerche ha ricomposto il progetto di questa macchina e lo ha messo in rete, forse con la speranza di trovare qualcuno in grado di aiutarlo nella realizzazione della valvola contro i terremoti inventata dallo scienziato imolese gia’ allievo di Guglielmo Marconi. Medda scrive di mettersi a disposizione presso l’A.S.S.E solo per chi volesse impegnarsi nell’impresa. Nel video allegato a questo post potete vedere Ighina e la descrizione degli effetti della valvola antisismica, fate attenzione al momento in cui Ighina mostrerà i giornali dell’ epoca in cui un terremoto colpi’ Faenza e Modena ma molto stranamente parve…saltare Imola,dove la spirale era installata. Secondo Ighina,e anche secondo altri a quanto pare, i terremoti sono causati da una situazione di gas compresso,la valvola antisismica,piantata nel terreno,sarebbe in grado di scaricarne la potenza senza creare scosse di elevata magnitudo. Ai tempi dell’ intervista Ighina era molto anziano,e si fa’ quasi fatica a capire cosa stia dicendo, del resto era stato sempre restio a concedersi alla stampa,dopo aver visto che le sue idee spesso venivano derise senza valutazione. Ma non fatevi fuorviare dalle apparenze, era geniale. Certo che, “la valvola non è da intendersi come strumento che rientra nella scienza attuale per cui la sua validita’ scientifica non viene garantita” .Del resto la scienza attuale, ad esclusione del fisico Preparata, non ha mai voluto prendere in considerazione la genialità di Pier Luigi Ighina,l’uomo delle nuvole,che era in grado di far piovere oppure di far sbucare il sole dalle nubi. Lo scienziato dichiarava spesso di essere trenta anni avanti,e non aveva tutti i torti. Con il sempre piu’ veloce avvicendarsi delle teorie quantistiche,le scoperte di Ighina assumono un significato sempre piu’ autorevole,e sarebbe auspicabile che venissero organizzati dei gruppi di lavoro per studiare l’applicabilita’ delle sue scoperte,previo un totale lavaggio mentale che asporti tutti preconcetti verso teorie nuove. Credo che la situazione a L’ Aquila, dove i cittadini sono oramai continuamente terrorizzati dal terremoto,meriti che si attuino tutti i tentativi per far cessare le scosse e riportare un poco di tranquillita’. La valvola antisismica di Ighina non è una opera impossibile, anzi ,dai disegni si intuisce facilmente la sua semplice struttura,forse se ne potrebbero collocare alcune nelle zone dove continuano le scosse di assestamento, e vedere nel breve periodo l’effetto. Bhe’,certo, prima viene il G8.


About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.