Stampa / Print

La Fed, tramite lo OMO (open market operations) compra obbligazioni dello stato. Questo compratore di ultima istanza tiene i prezzi alti ee evita ai rendimenti di salire.

Tassi bassi…aiutano l’economia e il mercato immobiliare e le banche e …tutti….

Ma tenere i tassi bassi stampando moneta a go go, aumentando il debito e il rischio di default degli Stati uniti e’ un’impresa altamente rischiosa….

In questi grafici potete notare la correlazione fra operazioni della FED e andamento dell’S&P 500…

Immaginatevi cosa potrebbe accadere ad ottobre quando la Fed smettera’ d’intervenire
(cosi’ ha detto la scorsa settimana).

Oggi la FED e’ intervenuta su un’emissione a 5 anni (totale emissione a giugno: 40 miliardi), oggi la FED ne ha acquistati 5,9 (e probabilmente ne ha comprati altri precedentemente). L’acquisto ha creato un artificioso rialzo delle quotazioni del titolo (ovvero un ribasso dei rendimenti).

Se io fossi un fondo hedge e volessi andare corto di obbligazioni…sarei un matto a farlo adesso che la FED ha ancora delle munizioni da sparare…meglio aspettare qualche settimana.

Se la FED smette di comprare…qualcuno dovra’ farlo, deu le alternative:

1) Gli investitori chiudono i carry trades (facendo crollare i mercati azionari), riimpatriano i dollari (che salgono verso euro) e comprano obbligazioni dello stato americano. I rendimenti ridiscendono…e riparte l’azionario (rally natalizio)

2) I tassi dei bond americani salgono, ma nessuno li compra….i tassi rimangono alti, le borse scendono….SUCCEDE UN VERO E PROPRIO BLACK MONDAY, con i mercati che in un giorno perdono il 20% e forse piu’…(ipotesi meno probabile).

IL GIOCO A OTTOBRE SI FARA’ MOLTO PERICOLOSO, MEGLIO ANDARE IN BRASILE CON MERCATO LIBERO A NOVEMBRE!!! E POI, STUDIEREMO, IN SPIAGGIA,INSIEME, UNA STRATEGIA DI INVESTIMENTO PER NATALE.

Fonte:http://ilpunto-borsainvestimenti.blogspot.com/

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.