Stampa / Print
Vaginosi batterica: i probiotici possono aumentare l’efficacia di alcune terapie antibiotiche I trattamenti antimicrobici per la vaginosi batterica sono efficaci, ma una nuova revisione sistematica Cochrane dimostra che l’efficacia aumenta aggiungendo il lactobacillus alla terapia antibiotica a base di metronidazolo. I ricercatori inoltre concludono che il lactobacillus intravaginale è efficace come il metronidazolo orale.
La vaginosi è un’infezione batterica molto comune. Solitamente per il trattamento di questo disturbo, si utilizzano antibiotici in gel o compresse, ma alcuni hanno spiacevoli effetti collaterali. La vaginosi comporta solitamente un lieve disturbo e può passare inosservata anche se è associato ad un aumento del rischio di contrarre il virus dell’ HIV.
“Il trattamento della vaginosi batterica può aiutare a ridurre la sensibilità delle donne al virus dell’ HIV. E’ quindi importante, soprattutto nei paesi in via di sviluppo, stabilire la forma di trattamento più efficace e appropriata” afferma il capo ricercatore Oynlola Oduyebo, del dipartimento di Microbiologia e Parassitologia dell’Università di Lagos, in Nigeria.
I ricercatori hanno analizzato i dati provenienti da 24 studi clinici che coinvolgono 4422 persone. Gli antibiotici clindamicina e metronidazolo risolvono la vaginosi batterica in più del 90% dei casi nell’arco di due o tre settimane, anche se esiste un’alta percentuale di ricadute. Gli effetti collaterali del metronidazolo includono la nausea e un sapore metallico in bocca. Per i paesi in via di sviluppo si tratta comunque dell’opzione più economica e conveniente. Lactobacillus probiotico somministrato contemporaneamente in al metronidazolo per via intravaginale è di significativa efficacia, mentre l’acqua ossigenata e le creme a base di sulfonamide non risultano efficaci.
“Esiste una vasta gamma di trattamenti efficaci per la vaginosi batterica, ma l’alta frequenza di ricadute richiede attenzione ed indica che è necessario studiare altri agenti attraverso i quali incrementa l’efficacia dei trattamenti disponibili” afferma Oduyebo. “Inoltre un aspetto importante riguarda l’elevato numero di pazienti che hanno abbandonato gli studi clinici sul Lactobacillus: è possibile che alcuni effetti avversi non siano stati riportati.” Referenza completa: Oduyebo OO, Anorlu RI, Ogunsola FT. The effects of antimicrobial therapy on bacterial vaginosis in non-pregnant women. Cochrane Database of Systematic Reviews 2009, Issue 3. Art. No.: CD006055. DOI: 10.1002/14651858.CD006055.pub2.
onte: http://www.partecipasalute.it/cms_2/node/1291

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.