Stampa / Print
Si sente a volte parlare di Radon, un gas radioattivo insidioso (l’inalazione di radon ad alte concentrazioni aumenta di molto il rischio di tumore polmonare), e come al solito in Italia le realtà sono molto diversificate sia come rischio ma soprattutto come consapevolezza, efficacia delle analisi e degli interventi istituzionali (in Veneto sono state addirittura evacuate delle abitazioni), ecc..
Le origini della moderna ricerca discendono dall’alchimia, nel sedicesimo secolo infatti Paracelso aveva notato l’alta mortalità dovuta a malattie polmonari tra i lavoratori delle miniere d’argento.

Nella nostra abitazione trascorriamo gran parte del nostro tempo: per questo è importante fare le scelte giuste. Attenti all’inquinamento domestico (indoor): Recenti studi americani e tedeschi concordano nel definire il nucleo-casa come da 20 a 40 volte più inquinato dell’ambiente esterno. Dopo aver letto questo articolo, per migliorare la qualità della vita informatevi su: ionizzatori, depuratori dell’aria, bioedilizia, geobiologia, ecc..

Radon, quattro regioni italiane a rischio. Lo chiamano “il killer silenzioso”. E’ inserito dall’Oms nel gruppo 1 delle sostanze cancerogene. Si stima sia la causa del 20% dei tumori polmonari in Italia. Contro il fumo si fanno delle crociate e contro il radon cosa si fa?

Le informazioni sopra riportate sono state raccolte grazie al lavoro di una delle m-list piu’ interessanti oggi in circolazione: la mailing list della Gevam.
Fonte: http://www.laleva.cc/ambiente/radon/radon.html

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.