Stampa / Print
Fonte: http://www.greenpeace.org/italy/news/geox-fai-respirare-l-amazzoni

Milano, Italia — Milano, centro storico. Una scarpa gigante che fuma e vetrine coperte da immagini di foreste in fiamme. Siamo in azione presso uno dei negozi principali di Geox per chiedere alla “scarpa che respira” di far respirare anche l’Amazzonia e il nostro clima.

Il blitz di questa mattina segue la pubblicazione dell’inchiesta “Amazzonia, che macello”. Dopo tre anni di indagine abbiamo scoperto quali sono i marchi che potrebbero essere la causa della distruzione dell’ultimo polmone verde del Pianeta. E Geox è tra questi.

Geox acquista, infatti, pelle dalla conceria italiana Gruppo Mastrotto. Quest’ultima si rifornisce di pelle brasiliana da uno dei super macellai che distruggono l’Amazzonia: Bertin.

Abbiamo dimostrato come, dagli allevamenti nel cuore dell’Amazzonia, dove il lavoro schiavile e l’invasione delle terre indigene sono la norma, i bovini arrivano ai macelli controllati da tre grandi aziende: Bertin, JBS, Marfrig che vendono carne e pelle a grandi marchi in tutto il mondo.

Ogni 18 secondi un ettaro di foresta amazzonica viene distrutto. E il motivo potrebbero essere le scarpe che indossiamo, i divani nei nostri salotti e la carne in scatola che finisce nei nostri piatti. Per questo, grazie alla cyberazione di Greenpeace, migliaia di persone stanno scrivendo alle aziende coinvolte chiedendo una soluzione.

Aspettiamo di incontrare i vertici di Geox per chiedere di non acquistare da allevamenti e aziende che sono legate alla distruzione dell’Amazzonia e sostenere un’immediata moratoria sulla deforestazione di questo ricchissimo ecosistema.

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.