Stampa / Print
Sentiva la scossa in arrivo come il suo nuovo amico D’Alema, mercoledì scorso, il nostro impareggiabile ministro dell’Economia. Il senso di quell’attacco sferrato a freddo da Giulio Tremonti contro l’Istat (“ma lo sapete come fanno le statistiche? Mille telefonate…”), bissato a stretto giro dal collega Scajola (“dovrebbero dare meno cifre”), si è capito alla perfezione ieri mattina, quando l’Istituto ha reso noto dove è arrivato il rapporto deficit/pil dell’Italia: 9,3% nel primo trimestre 2009, il più alto da sempre.

Tanto per ricordare, quel rapporto che in virtù dei famosi accordi di Maastricht doveva stare sotto il 3% , sotto le amorevoli cure del dottissimo e piissimo Tremonti è arrivato al triplo. Certo, c’è la crisi e il Nostro era tutto intento a prevederla e a spiegarla al papa come ai giornalisti che di tanto in tanto lo intervistano sul Corriere o sul Sole, rapiti dalla sua compiaciuta erudizione.

Ma questo 9,3% è una cifra pazzesca e se la si somma al differenziale tra i nostri titoli di Stato e i Bund tedeschi, che sempre ieri ha sfondato quota 107 punti base, si capisce a che punto è la notte. Solo 15 mesi fa, quando iniziò la crisi dei mutui subprime, quel differenziale era a quota 55 e i grandi commentatori di fatti economici scrivevano che era un dato allarmante, specie per un Paese indebitato come il nostro. Ma eravamo in campagna elettorale e forse gli animi erano un po’ eccitati.

Oggi abbiamo queste due cifre un tantino imbarazzanti, ma il governo se la prende con i numeri e con chi li dà. Manco fossero scatti “rubati” a Villa Certosa. Dovremo trasferire anche l’Istat in Colombia?

Fonte: http://antefatto.ilcannocchiale.it/?r=168703

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.