Stampa / Print

biofuel_9594.jpgBeh, alla fine hanno trovato il modo di produrre energia pulita da una centrale nucleare. Certo, prima è dovuta “esplodere”, ma tant’è: l’idea è comunque ottima, vista la situazione.
Un team irlandese-bielorusso ha pensato di sfruttare le avvelenatissime ed improduttive terre intorno alla centrale di Chernobyl, producendo biocarburanti.. Tali terre rappresentano ben il 23% del territorio bielorusso, e potrebbero fare della Repubblica il maggior produttore di biofuel di tutta Europa. L’impianto entrerà in funzione quest’anno con una capacità di 650 milioni di litri. Vantaggio collaterale: le piante accelereranno il processo di ripulitura dei suoli, assorbendo tossine.

Tempo fa avevo suggerito la stessa idea per i terreni della Campania avvelenati da ettari di discariche abusive. Malgrado, ovviamente, non ritenga sensato pensare al biodiesel come soluzione ai problemi energetici relativi ai trasporti (ne abbiamo parlato mille volte), è un’opzione fantastica per tutti i terreni inquinati. Invece di continuare a coltivare pomodori tossici che finiscono sulle nostre tavole, nelle zone del Casertano dove si è scaricato di tutto (dalle banconote usate ai fazzoletti pulisci-mammelle degli allevamenti, per tacere dei farmaci scaduti e di ogni altra porcheria di cui bisognava disfarsi a poco prezzo) si potrebbe operare una bella conversione alla coltivazione di biocarburanti.

Ma forse tutto ciò rimarrà, e giustamente, un sogno: mi sovviene subito la camorra, che ci mette un attimo a riempire bottiglie col biodiesel, colorarlo di verde e scriverci su “Olio extravergine di oliva”. Guadagnando 5 euro al litro anziché gli 80 cents del biocarburante. Il condimento ideale, per i suddetti pomodori.

Fonte: http://mercatoliberonews.blogspot.com/2009/07/biocarburanti-chernobyl.html

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.