Supporto psicologico nella prevenzione del disturbo post traumatico da stress

Stampa / Print
Una nuova revisione Cochrane ha evidenziato come il supporto psicologico non sia efficace nel prevenire l’insorgenza di disturbi post traumatici da stress. Due revisioni precedenti avevano dimostrato la mancanza di efficacia di un singolo intervento di supporto: questa revisione si focalizza invece sugli interventi multipli a prescindere dalla presenza o meno dei sintomi. Il principale autore della revisione, Neil Roberts del Traumatic Stress Service dell’ospedale universitario del Galles, ribadisce questo aspetto: “La nostra revisione coinvolge chiunque sia stato vittima di un evento traumatico, non soltanto i soggetti che hanno poi sviluppato i sintomi di un disturbo da stress. Nessuno degli interventi analizzati si è dimostrato efficace; in alcuni individui il supporto psicologico si è addirittura accompagnato ad esiti peggiori rispetto al gruppo non sottoposto all’intervento. Questi tipi di supporto non dovrebbero quindi essere utilizzati in modo indiscriminato in tutti i soggetti coinvolti in eventi traumatici”. Persone che subiscono eventi particolarmente violenti come terremoti, crimini o azioni militari possono sviluppare un disturbo post traumatico da stress, caratterizzato da difficoltà di ordine psicologico. I trattamenti di supporto per questi pazienti, sebbene siano stati a lungo studiati, non sono ancora soddisfacenti. Le prove di efficacia incluse nella revisione Cochrane derivano da 11 studi clinici per un totale di 941 persone esposte ad eventi traumatici. Gli interventi analizzati includevano terapia cognitivo comportamentale, terapia individuale o di gruppo indirizzati a soggetti con o senza sintomi. I risultati sono piuttosto deludenti: nessuno degli interventi analizzati è risultato efficace e in alcuni casi la sintomatologia peggiorava in seguito al trattamento. Tuttavia, i ricercatori sottolineano che non si deve concludere che gli interventi di supporto psicologico non abbiano alcun ruolo nel trattamento dei sintomi del disturbo post traumatico da stress.
“La revisione appena pubblicata analizza l’efficacia della terapia di supporto psicologico nel prevenire i sintomi ed ha deliberatamente escluso gli studi dove venivano trattati solo i pazienti che manifestavano già i sintomi. Stiamo attualmente lavorando su questi soggetti per verificare l’efficacia nei pazienti con sintomi conclamati” ha aggiunto Roberts. Allo stato attuale, sulla base di questa ultima revisione e delle revisioni precedenti, non sembrano esistere valide opzioni terapeutiche per la prevenzione del disturbo da stress post traumatico.
Referenza Completa: Roberts NP, Kitchiner NJ, Kenardy J, Bisson J. Multiple session early psychological interventions for the prevention of post-traumatic stress disorder. Cochrane Database of Systematic Reviews 2009, Issue 3. Art. No.: CD006869. DOI: 10.1002/14651858.CD006869.pub2.


Fonte: http://www.partecipasalute.it/cms_2/node/1290

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *