Non tutto è oro quel che luccica

Stampa / Print


Si leggono in giro robe così…
..Le delusioni di General Electric vengono bilanciate dai dati trimestrali positivi dei colossi bancari (Bank of America e Citigroup) e da quelli sul mercato immobiliare migliori delle attese. Nel mese di giugno le nuove unità abitative sono state pari a 582mila unità, meglio delle 530mila stimate, con un rialzo del 3,6%.
Positivi anche i dati sui permessi edilizi, saliti a quota 563mila, contro i 524mila attesi…

Dietro all’ottimismo immacolato di mamma FED è tutto un coro di mass-media ed analisti rialzisti che cantano inni trionfali per stare dietro a Toro Drogato che in questa settimana ha dato il meglio di sè: una galoppata pazzesca, sfrenata e senza soste con il DAX tedesco da 4500 a 5000 (+10%), l’S&P Mib italiano da 17500 a 19300 (+10%), Dow Jones da 8100 ad 8700 (+7%)…

Quindi tornano fuori le solite analisi di ottimismo strumentale o quantomeno superficiali….
Vengono sventolate le “taroccatissime” trimestrali delle banche USA come “positive” e sopra alle previsioni…MA senza gli stellari profitti del Trading fatti a mo’ di Hedge Funds speculativi con i soldi degli aiuti statali, le trimestrali bancarie sarebbero state in perdita per svariati miliardi di dollari (lo afferma addirittura il NYT).
Non per nulla parecchia gente negli USA si sta incazz— a vedere come i soldi dei contribuenti vengano usati dalle Banche-Hedge per speculare e pagarsi bonus invece che per sostenere l’economia reale.

Perfino Dr. Doom ovvero Nouriel Roubini, il super-pessimista che aveva previsto la Grande Crisi, ieri è stato manipolato in una sua intervista alla “TV-Toro” CNBC che ha sbandierato come anche il super-Gufo vedesse la fine della recessione entro il 2009.
Lo stesso Roubini ha dovuto smentire dicendo che tale affermazione era stata estrapolata dal contesto e che lui non ha fatto nessuna previsione del genere…

Anche i dati USA sulle nuove unità abitative (+3,6% rispetto al mese scorso) e sulle nuove licenze edilizie (+8,7% rispetto al mese scorso) grazie alla magia della statistica mensile sembrano migliorare in modo consistente.
Ma se guardi su base annuale siamo rispettivamente a -52% e -46% rispetto a giugno del 2008!
Considerando che c’è un enorme eccesso di offerta di unità abitative, il balzo di nuove licenze di costruzione assume connotazioni un po’ meno trionfalistiche, anche perchè scopri che molti stati USA (vedi California) ti concedono super-sgravi fiscali se costruisci nuove casee contribuisci così ad aumentare il PIL (mumble mumble…:mmmm:…mi sta venendo un dubbio ;)).
Ma un sacco di case poi ti rimangono sul groppone e l’eccesso di offerta impedisce un recupero dei prezzi.
Considerando che negli USA è stato raggiunto il record assoluto di pignoramenti di case (9%), poi buttate sul mercato dalla banche per recuperare denaro nel più breve tempo possibile, il balzo di nuove licenze di costruzione assume connotazioni ancora più strane e contradditorie…

Vedi la mappa del record di pignoramenti

Considerando che il dato mensile sulle nuove unità abitative a +3,6% ha un margine di errore dell’11,3%…forse risulta più affidabile un grafico di più lungo periodo…
I rimbalzini mensili non hanno influito molto sulla tendenza degli ultimi tre anni…

Come annunciavo, passata la temibile settimana delle tre corpose aste di T-bond in cui lo stato USA ha dovuto battere cassa per finanziarsi i piani di “tappamento delle falle, questa settimana era prevedibile un “liberi tutti” per le Borse…anche se non di questa smodata entità.

Insomma, come sempre non è tutto oro quel che luccica e ci tocca questo “sporco lavoro” di leggere “oltre il livello letterale, oltre i luoghi comuni e gli errori, oltre le dissimulazioni e la censura”.
.

Fonte: http://lagrandecrisi2009.blogspot.com/2009/07/non-tutto-e-oro-quel-che-luccica.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *