Alcol tra gli studenti: la sensibilizzazione sulle norme sociali può ridurne l’abuso

Stampa / Print
Una recente revisione sistematica Cochrane ha puntato l’attenzione sull’effetto di interventi comportamentali negli studenti con problemi di abuso di alcol.
La ricerca in campo sociale conferma che tra gli studenti c’è la tendenza a sovrastimare la quantità di alcol che consumano i loro coetanei. In altre parole, si crea un opinione falsata circa il proprio comportamento nei confronti dell’uso di alcol e ciò contribuisce ad aumentare l’incredibile numero di decessi legati all’alcol (1,8 milioni di morti ogni anno). Interventi sulle norme sociali che prevedono l’utilizzo di feedback tra coetanei possono aiutare a superare questi pregiudizi. I ricercatori Cochrane hanno analizzato 22 studi clinici che hanno coinvolto 7.275 studenti liceali e universitari, prevalentemente nord americani. Gli studenti ai quali sono stati forniti feedback personalizzati via Internet o durante incontri individuali sono stati paragonati ai ragazzi dei gruppi di controllo: nei primi è stato dimostrato un comportamento più cauto nei confronti dell’alcol, con una minor frequenza di utilizzo di alcol e di partecipazione a feste in cui si fa largo uso di bevande alcoliche. I feedback via Internet hanno inoltre ridotto in maniera significativa il contenuto di alcol nel sangue e in generale problemi legati all’alcol.
La terapia di gruppo ed i feedback inviati per posta invece non hanno dimostrato una efficacia maggiore, anche se i ricercatori affermano che sono necessari ulteriori studi che confrontino le diverse modalità di intervento sociale. “Non possiamo fare un confronto diretto tra i diversi interventi, ma sulla base di un piccolo numero di studi che riguardano interventi via web, queste strategie sembrano essere una scelta economicamente valida per ridurre l’abuso di alcol”, ha dichiarato il capo ricercatore Maria Teresa Moreira, della Scuola di cure sanitarie e sociali a Oxford. “Sappiamo che i modelli sociali hanno un forte impatto sulle opinioni e sui comportamenti e ciò può potenzialmente cambiare la percezione di ciò che può essere considerato “normale”. Non è chiaro l’impatto a lungo termine di questi miglioramenti: la durata di questi benefici è stata di pochi mesi e solo in rari casi riguardanti l’uso di Internet, hanno superato l’anno ” ha aggiunto Moreira. Referenza completa: Moreira MT, Smith LA, Foxcroft D. Social norms interventions to reduce alcohol misuse in University or College students. Cochrane Database of Systematic Reviews 2009, Issue 3. Art. No.: CD006748. DOI: 10.1002/14651858. CD006748.pub2.

Fonte: http://www.partecipasalute.it/cms_2/node/1287

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *