Nucleare manu militari nel DDL per il sottosviluppo

Stampa / Print

Mentre l’opposizione usciva dall’aula del Senato, il PdL ha approvava ieri il DDL sviluppo. Un nome ingannevole come pochi. Infatti, la class action, approvata dal governo Prodi è stata di nuovo rinviata, questa volta al primo gennaio 2010 e non sarà retroattiva (possono stare tranquilli i vari Tanzi & Co.). E chi crede che il primo giorno del prossimo anno la class action sarà applicabile, gode di un esagerato ottimismo. Nel DDL si propone poi la riduzione del prezzo della benzina per le regioni produttrici, come a dire: ti sconto la benzina se permetti trivellazioni ed inquinamento sul tuo territorio. Tremonti continua a proporre la sua Robin Tax che era e rimane una cazzata mascherata, visto che ai ricchi petrolieri non “ruba” che pochi, inutili spiccioli.

Ma il punto centrale del DDL per il sottosviluppo italiano rimane il ritorno al nucleare. Il DDL delega il governo ad individuare, entro sei mesi, i siti dove costruire le centrali nucleari e dove stoccare le scorie radioattive. Non torno sugli aspetti costi, inquinamento, insufficienza energetica, rischi, ecc. L’ho già fatto diverse volte. In questo caso c’è da sottolineare due aspetti inquietanti contenuti del DDL, sull’argomento nucleare. Il primo è che il DDL prevedeva l’istituzione di una Agenzia per la Sicurezza Nucleare, che rimane ma, per come il DDL è stato approvato, non è necessario che essa operi “con indipendenza di giudizio e di valutazione e in piena autonomia tecnico-scientifica e regolamentare, avvalendosi di personale qualificato e altamente specializzato”. Questa frase è stata infatti eliminata con apposito emendamento, che è già tutto un dire. Il secondo aspetto è il considerare i siti nucleari “di interesse strategico militare”, cioè saranno presidiati da uomini in divisa.

Mettete insieme questi due aspetti: ci sarà un’agenzia per la sicurezza nucleare, che potrà fornire valutazioni di parte (ad esempio sui rischi, sull’inquinamento dei siti o sugli incidenti), non godendo di indipendenza di giudizio. Ma potrebbe, quell’agenzia, fornire informazioni o fare valutazioni sbagliate, visto che non sarà obbligata ad avvalersi di personale qualificato e specializzato. E le popolazioni saranno costrette a subire i rischi del nucleare, ingigantiti dalla presenza di una agenzia per la sicurezza nucleare così malamente costituita. Se non vi va bene, ci sarà sempre qualche fucile militare pronto a farvi cambiare idea.

Fonte: http://rubicondo.blogspot.com/2009/07/nucleare-manu-militari-nel-ddl-per-il.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *