Radon

Stampa / Print
Si sente a volte parlare di Radon, un gas radioattivo insidioso (l’inalazione di radon ad alte concentrazioni aumenta di molto il rischio di tumore polmonare), e come al solito in Italia le realtà sono molto diversificate sia come rischio ma soprattutto come consapevolezza, efficacia delle analisi e degli interventi istituzionali (in Veneto sono state addirittura evacuate delle abitazioni), ecc..
Le origini della moderna ricerca discendono dall’alchimia, nel sedicesimo secolo infatti Paracelso aveva notato l’alta mortalità dovuta a malattie polmonari tra i lavoratori delle miniere d’argento.

Nella nostra abitazione trascorriamo gran parte del nostro tempo: per questo è importante fare le scelte giuste. Attenti all’inquinamento domestico (indoor): Recenti studi americani e tedeschi concordano nel definire il nucleo-casa come da 20 a 40 volte più inquinato dell’ambiente esterno. Dopo aver letto questo articolo, per migliorare la qualità della vita informatevi su: ionizzatori, depuratori dell’aria, bioedilizia, geobiologia, ecc..

Radon, quattro regioni italiane a rischio. Lo chiamano “il killer silenzioso”. E’ inserito dall’Oms nel gruppo 1 delle sostanze cancerogene. Si stima sia la causa del 20% dei tumori polmonari in Italia. Contro il fumo si fanno delle crociate e contro il radon cosa si fa?

Le informazioni sopra riportate sono state raccolte grazie al lavoro di una delle m-list piu’ interessanti oggi in circolazione: la mailing list della Gevam.
Fonte: http://www.laleva.cc/ambiente/radon/radon.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *