Stampa / Print
Pensate di essere un imprenditore serio e di avere bisogno di fare un investimento. Andate in banca e chiedete soldi per un anno e loro vi concedono tutto quello che volete al tasso dell’1%…Questo è ciò che è accaduto ieri alle banche europee. La BCE ha inondato per l’ennesima volta, il sistema di liquidità (e i mercati azionari hanno ringraziato).La domanda che TUTTI si pongono, ma nessuno scrive, è: PERCHE’ SI DEVONO PRESTARE DENARI PUBBLICI A DEGLI INTERMEDIARI NON EFFICIENTI (LE BANCHE).NON SAREBBE MOLTO MEGLIO PRESTARE I SOLDI DIRETTAMENTE AGLI IMPRENDITORI, OPPURE IL SISTEMA (BCE E GOVERNI) DOVREBBE RICHIEDERE CHE LE BANCHE (davanti a un tale regalo) NON facciano mega profitti, ma siano DI UTILITA’ AL SISTEMA.Credo che sarebbe corretto che, se gli stati aiutino le banche….le banche dovrebbero aiutare l’economia senza ottenere profitti alti. Inoltre dovrebbero ripulire i bilanci dagli scheletri (mettendo in atto sane politiche di svalutazione degli assets).A nostro avviso sarebe l’unico modo per far ritornare la fiducia alle persone…Invece il sistema si basa ancora (per cercare di crescere) su un’espansione insana del credito che si traduce in un’ espansione esagerata del debito. (questa volta però gli stati so trovano MOLTO PIU’ INDEBITATI DI PRIMA, il che blocca SICURAMENTE, la crescita economica dei prossimi anni).Infatti se anche le imprese uscissero dalla crisi…i mercati azionari, ogni volta che cercheranno di salire, verranno ributtati indietro dalla risalita dei tassi e dalla riduzione del debito che il sistema attuerà in un secondo momento.Sono 442 i miliardi che la BCE ha iniettato nel morente sistema bancario europeo (con un operazione a 12 mesi).L’estremo tentativo di dare ossigeno a un sistema bancario che nasconde le perdite sotto il tappeto e che non presta soldi alla economia.Una domanda per gli addetti: o la BCE o Passera raccontano balle…Passera infatti ha detto che hanno soldi in abbondanza ma le aziende non li vogliono…La BCE invece sostiene che le banche non prestano.Il nostro punto di vista, sentendo i nostri clienti e lettori è che la banche mettono a disposizione i soldi MA SOLO A CONDIZIONI CAPESTRO, nel tentativo di guadagnare molto prestando lo stretto necessario.E’ evidente che l’imprenditore si incazzi davanti all’idea di strapagare il credito e ATTENDA momenti più propizi, anche perchè non ci sono segnali di fine crisi ma solo di rallentamento della sua evoluzione.La BCE con 442 miliardi e la FED che lascia i tassi invariati e avisa che rimarranno tali per tanto tempo…SONO DUE IMPORTANTI E DISPERATI STIMOLI….ALL’ECONOMIA.RICORDO CHE IL COSTO DEL FINANZIAMENTO (A 1100 BANCHE EUROPEE) DI 442 MILIARDI PER UN ANNO è DEL 1%!!!Vi rendete conto……1%…poi le banche prestano denaro a tassi molto, molto elevati…GUADAGNANDO MOLTISSIMO, A SPESE DELLA COMUNITA’.RIPETO la domanda di prima: Non capisco perchè le banche debbano fare profitti utilizzando aiuti pubblici. Chi riceve tali aiuti dovrebbe NON generare sovraprofitti, ma cercare di appianare tutte le perdite. Gli aiuti dovrebbero sempre e comunque essere restituiti allo stato (o alla banca centrale…)I mercati azionari hanno ben accolto la notizia nella SPERANZA (sono sempre speranzosi) che l’economia possa riprendersi grazie a maggior credito. Anche la FED ieri sera ha dato una mano…..e questa mattina l’asia ha ringraziato.Economists said that the ECB’s focus on pumping unlimited liquidity could prove effective in helping engineer a eurozone recovery. The one-year offer at the ECB’s main interest rate of just 1 per cent was “a very smart move in a financial system dominated by banks”, said Elga Bartsch, European economist at Morgan Stanley.The ECB action, which attracted 1,121 bidders – more than usual in ECB operations – had an immediate impact in driving down overnight and longer-term market interest rates, though the full effects are still to feed through.Don Smith, economist at inter-dealer broker Icap, said: “The massive scale and undoubted success of this tender almost entirely reflects the cheapness of the funds on offer.”

Fonte:http://ilpunto-borsainvestimenti.blogspot.com/feeds/posts/default

About the author

Related Post

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.