Stampa / Print


Berlusconi continua a spaventare gli italiani.

Ogni volta che vuole tappare la bocca a chi racconta la verità dei numeri (non tratta di pessimismo ma di DATI VERI E REALI – mi riferisco al debito pubblico, all’andamento del Pil, alle entrate fiscali, alla cassa integrazione, alla disoccupazione agli ordini alle imprese e NON alle veline….)…SONO CONVINTO CHE QUELLO CHE SAPPIAMO E’ SOLO LA PUNTA DI UN ICEBERG.

Se Berlusconi e company sapessero che le cose andranno meglio in autunno…state sicuri che invece che lanciarsi contro chi fa informazione …sarebbero molto più preoccupati a far soldi comprando aziende qua e là….e aiutando i loro salotti a investire…

Invece nulla di tutto questo….Mondadori, Mediaset, e le aziende del biscione di tutto fanno tranne che affrontare investimenti…anzi hanno deciso di ridurre pesantemente le spese vendendo pure KAKA…

E’ ovvio che Berlusconi è un privilegiato…in quanto HA LA GIUSTA INFORMAZIONE SULLA CRISI…MA non puo’ permettersi che il popolo abbia la stessa informazione.

Eppure lo sappiamo che la divulagazione dell’informazione è la principale misura della democrazia di un popolo.

Berlusconi vuole tornare indietro di decenni e reintrodurre una pesante SEPARAZIONE FRA CHI SA E CHI NON SA. In modo tale da favorire le poche persone informate ai danni della massa.

Leggete cosa ha detto Berlusconi ieri: UN VERO BAVAGLIO E IMMORALE RICATTO VERSO I GIORNALI E L’INFORMAZIONE: LA STESSA INFORMAZIONE CHE VOI PAGATE 1 EURO O ANCHE PIU’ TUTTI I GIORNI…

Il nostro blog continua a dare libera informazione E GRATUITA.

Non vogliamo condizionamenti e soprusi. EVVIVA LA LIBERTA’…

Le parole del premier di ieri SEMBRANO INCITARE LA CENSURA …QUELLA DELLA PEGGIOR SPECIE.

La storia ha sempre avuto ragione su chi ha voluto manipolare la verità …..alla fine non è mai passato alla storia come un eroe ma come un ………(censura)


IL DITTATORE GHEDDAFI…E UN SUO CARO AMICO

Il premier Silvio Berlusconi parla di “crisi soprattutto psicologica.

“Bisogna impedire di parlare agli organi che diffondono il panico”.

Anche i media sono tra i fattori che alimentano la crisi. «Organismi internazionali e stampa danno incentivi alla paura e diffondono il panico». Lo ha ribadito – il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi spiegando che per superare questa crisi gli imprenditori “devono avere coraggio, continuare a crederci e non avere paura.

Devono anche – ha aggiunto – spingere gli editori a non diffondere sui giornali o sulle televisioni il panico arrivando anche a minacciare di non dargli più pubblicità”.

Il premier ha comunque chiesto agli imprenditori “di continuare a fare promozione dei propri prodotti non diminuendo la pubblicità” perchè il rischio è quello “di perdere quote di mercato” innescando un circolo vizioso che porterebbe anche a una diminuzione della produzione.

Fonte: http://ilpunto-borsainvestimenti.blogspot.com/

About the author

Related Post

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.